Italo, al via nuove assunzioni: 150 posti Da metà marzo nuove tratte da Bergamo

Italo, al via nuove assunzioni: 150 posti
Da metà marzo nuove tratte da Bergamo

Italo si prepara ad assumere più di 150 persone nel biennio 2019-2020. La società ferroviaria privata, che attualmente conta 1.250 lavoratori con un’età media di 33 anni, è alla ricerca di hostess e steward di bordo e di operatori di impianto per far crescere la propria squadra.

I candidati che verranno selezionati per il ruolo di hostess e steward di bordo saranno assunti con un contratto di apprendistato. Per chi sarà assunto come operatore di impianto è previsto un corso di formazione della durata di 5 mesi: chi supererà gli esami previsti, entrerà nel team di Italo con un contratto a tempo indeterminato.

Saranno Roma, Napoli, Milano e Venezia le sedi di lavoro per chi entrerà nella società, che per questo organizzerà dei career day dedicati sul territorio per incontrare i candidati. Oltre a queste 150 assunzioni, inoltre, Italo assumerà macchinisti esperti (in ambito operativo) e personale di staff da inserire nelle Aree di ingegneria, digital, human resources e revenue management. Le nuove assunzioni - evidenzia la nota - coincidono con i nuovi scenari che Italo ha per il futuro: entro inizio 2020 entreranno in servizio altri 10 treni Italo Evo (portando così la flotta complessiva a 47 treni) e nuove città entreranno nel network. Tre le nuove città c’è anche Bergamo: il collegamento partirà dall’11 marzo con il Bergamo-Roma e - sorpresa - anche il Bergamo-Napoli.

Una corsa al giorno da e per la città campana, con fermate a Brescia, Verona, Firenze, Roma (Tiburtina e Termini) e arrivo a Napoli Centrale. Da Bergamo si parte alle 5,30 per arrivare a Napoli Centrale alle 11,45 dopo 6 ore e 15 di viaggio con fermate a Brescia, Verona, Bologna, Roma Tiburtina, Roma Termini (arrivo alle 10,25) e Napoli Centrale. Non Napoli Afragola, la stazione studiata apposta per l’alta velocità dall’archistar Zaha Hadid che per il momento resta appannaggio delle Frecce di Trenitalia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA