Italo, debutto con gradimento - Gli orari Adesso Roma e Napoli sono più vicine

Italo, debutto con gradimento - Gli orari
Adesso Roma e Napoli sono più vicine

In questo modo i viaggiatori bergamaschi avranno modo di essere collegati al network dell’alta velocità, potendo andare e tornare in giornata a Roma per una riunione o concedersi una gita in una delle città collegate.

I treni di Italo sono arrivati a Bergamo. Domenica il primo servizio da Napoli, passato per Roma, Firenze, Bologna, Verona e Brescia. Lunedì mattina, invece, il primo Italo Evo è partito dalla stazione di piazzale Marconi. Sono 2 quindi i servizi giornalieri: uno che parte da Bergamo alle 5,30 per arrivare a Roma Termini alle 10,25 e a Napoli Centrale alle 11,45, ed uno che parte da Napoli alle 17,48, passando da Roma Termini alle 19,15, con arrivo a Bergamo alle 23,54.

In questo modo i viaggiatori bergamaschi avranno modo di essere collegati al network dell’alta velocità, potendo andare e tornare in giornata a Roma per una riunione o concedersi una gita in una delle città collegate. «Italo, grazie al progressivo aumento della sua flotta che arriverà a contare 47 treni entro inizio 2020 – recita una nota della compagnia – può così avvicinare sempre più il territorio al mercato dell’alta velocità, garantendo ora anche ai cittadini bergamaschi viaggi comodi e ricchi di servizi».

I collegamenti saranno effettuati con il modernissimo Italo Evo, un treno alta velocità dal design innovativo progettato e costruito nel sito di produzione Alstom di Savigliano, in provincia di Cuneo. Bergamo quindi sempre più collegata in alta velocità con la Capitale, verso la quale continuano infatti a funzionare anche i collegamenti garantiti dalle Frecce di Trenitalia, con due relazioni giornaliere andata e ritorno: al mattino si parte alle 6,12 e si arriva a Termini alle 10,45. La seconda corsa per Roma parte alle 16 e arriva alle 20,45. Dalla capitale si torna rispettivamente alle 9,45 e 18,45, sempre con collegamento diretto e fermate a Firenze, Bologna, Verona e Brescia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA