«L’aeroporto non incide sulla salute  Ma l’effetto-rumore va approfondito»
Un aereo sopra Colognola. Secondo il monitoraggio di Ats non si registrano alterazioni nello stato di salute dei residenti delle zone sorvolate

«L’aeroporto non incide sulla salute

Ma l’effetto-rumore va approfondito»

Studio dell’Ats tra il 2012 e il 2017 sulla popolazione residente attorno allo scalo di Orio. Non emerge un danno attuale, è stata confermata la precedente analisi epidemiologica. Ma si andrà avanti

L’aeroporto di Orio al Serio e il suo sviluppo non sono pericolosi per la salute di chi abita nei Comuni intorno allo scalo, almeno per quel che riguarda l’incidenza della mortalità e lo sviluppo di patologie tumorali. Tuttavia, restano alcune criticità relative all’esposizione al rumore e ai disturbi del sonno, che andranno ulteriormente approfondite.

A rivelarlo è un monitoraggio dell’Ats di Bergamo sullo stato di salute dei bergamaschi che vivono nei pressi del Caravaggio. Uno studio lungo e complesso durato cinque anni, dal 2012 al 2017, durante i quali l’aeroporto ha continuato a crescere, diventando ormai stabilmente il terzo scalo italiano sia per quantità di passeggeri in transito sia di merci trasportate.


I particolari dello studio acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 30 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA