Lo schianto a 6 minuti dal decollo Morti 157 a bordo, 8 italiani

Lo schianto a 6 minuti dal decollo
Morti 157 a bordo, 8 italiani

Un velivolo nuovo, controllato da poco, condizioni meteorologiche buone. Nulla faceva presagire il disastro: invece un Boeing 737 della Ethiopian Airlines partito da Addis Abeba per Nairobi si è schiantato sei minuti dopo il decollo, uccidendo tutte le 157 persone che erano a bordo, tra cui 8 italiani.

L’aereo della compagna di bandiera etiope, con 149 passeggeri e 8 membri dell’equipaggio, era decollato alle 8.38 locali (le 10.38 italiane) dallo scalo di Addis Abeba, diretto in Kenya. Ma qualcosa è andato subito storto. I radar hanno evidenziato una «velocità verticale instabile» ed effettivamente il comandante ha contattato terra avvertendo che c’era qualcosa che non andava e ottenendo l’autorizzazione al rientro. Purtroppo, senza successo: alle 8.44 il Boeing si è schiantato al suolo, 60 chilometri a sud-est di Addis Abeba. «L’esplosione è stata fortissima e le fiamme si sono propagate con una forza tale che non siamo riusciti ad avvicinarci», ha raccontato un testimone alla Bbc.Non c’è stato scampo per tutte le persone a bordo, di 35 nazionalità diverse.

Otto gli italiani, tra cui l’assessore ai Beni culturali della Regione Sicilia Sebastiano Tusa, archeologo di fama internazionale, che era diretto a Malindi per una conferenza dell’Unesco. E poi Virginia Chimenti, Maria Pilar Buzzetti e Rosemary Mumbi, impegnate a vario titolo con il World Food Programme; il presidente della ong Cisp e rete LinK 2007 Paolo Dieci; tre volontari della ong bergamasca Africa Tremila, Carlo Spini, sua moglie Gabriella Viciani e il tesoriere Matteo Ravasio, commericalista di Bergamo.

Si ignorano al momento le cause tecniche dell’incidente. Le immagini dal luogo del disastro, un grosso cratere, fanno presupporre che l’impatto abbia praticamente disintegrato l’aereo, lasciando sul terreno piccoli pezzi di rottami, in un’area grande quanto un campo di calcio. In questo scenario potrebbe complicarsi la ricerca delle scatole nere, fondamentali per ricostruire le ultime fasi del volo. La stessa Ethiopian ha invocato pazienza. «È troppo presto per fare illazioni, ci saranno ulteriori indagini», ha spiegato l’ad della compagnia Tewolde Gebremariam, precisando che ci sarà l’assistenza di «tutte le controparti, inclusi il produttore Boeing, l’autorità dell’aviazione civile etiope e altri enti internazionali». Gli Stati Uniti invieranno un loro team, ed anche l’Italia potrebbe chiedere di partecipare, perché suoi cittadini sono rimasti coinvolti.

Quanto al velivolo precipitato, si sa che era un Boeing 737-8 Max, consegnato alla compagnia a metà novembre. La sua ultima manutenzione era stata recente, risaliva al 4 febbraio, ed il comandante era considerato esperto, con oltre 8mila ore di volo all’attivo. C’è però un’analogia con un altro disastro accaduto di recente.


© RIPRODUZIONE RISERVATA