Manovra, i primi effetti sulla Bergamasca Ai Comuni 12,7 milioni per scuole e strade

Manovra, i primi effetti sulla Bergamasca
Ai Comuni 12,7 milioni per scuole e strade

Il Senato ha approvato la manovra. Il testo ora torna alla Camera per la terza lettura: approderà in Aula a Montecitorio il 28 dicembre. I voti a favore sono stati 163, 68 i contrari e due gli astenuti.

Quali sono i primi effetti per la provincia di Bergamo? Arriveranno circa 12,7 milioni di euro distribuiti tra 238 Comuni della Bergamasca. La manovra approdata sabato al Senato mette sul piatto 400 milioni a livello nazionale, per permettere alle realtà fino a 20 mila abitanti di realizzare interventi per la sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici e patrimonio comunale.

La certezza si avrà, ovviamente, solo una volta che il testo sarà diventato legge. Il che succederà probabilmente dopo Natale, con il passaggio alla Camera. Poi lo sblocco dei fondi dovrebbe essere piuttosto rapido: entro il 15 gennaio il Ministero dell’Interno comunicherà a ciascuna amministrazione il contributo che le spetta.

I 96 Comuni orobici al di sotto dei duemila abitanti riceveranno così 40 mila euro ciascuno; 50 mila euro andranno ai 72 paesi tra i duemila e i cinquemila abitanti; le 57 realtà fino a 10 mila residenti riceveranno 70 mila euro, mentre 100 mila euro spetteranno ai 13 Comuni fino a ventimila abitanti. Restano esclusi solo i 5 Comuni orobici più grandi.

IL PONTE DI CALUSCO – Il governo ha anche annunciato un potenziamento del trasporto pubblico (non è ancora chiaro, in quale proporzione, sui treni o sulle navette sostitutive) per alleviare i disagi dei pendolari penalizzati dalla chiusura del ponte San Michele sull’Adda fra Calusco e Paderno. Per realizzarlo è stato stanziato 1 milione e mezzo di euro con il maxi emendamento alla legge di Bilancio (recependo l’emendamento inizialmente proposto dalla senatrice bergamasca di Forza Italia Alessandra Gallone). «Sono molto orgoglioso di annunciare – ha sostenuto il ministro Danilo Toninelli – che nella “Manovra del popolo” abbiamo stanziato un milione e mezzo di euro, da erogare nel 2019 alla Lombardia, per un rapido ripristino del Ponte San Michele, tra Calusco e Paderno e il potenziamento del trasporto pubblico locale della zona per consentire ai cittadini spostamenti più degni, in attesa della riapertura del ponte».


© RIPRODUZIONE RISERVATA