Maxi operazione contro la ‘ndrangheta Quattro fermati, anche una coppia di Seriate

Maxi operazione contro la ‘ndrangheta
Quattro fermati, anche una coppia di Seriate

Alle prime luci dell’alba di mercoledì 10 febbraio, i Carabinieri del Comando Provinciale di Bergamo hanno fermato quattro persone legate ad un sodalizio ‘ndranghetistico accusate a vario titolo di estorsione, usura, riciclaggio ed autoriciclaggio di denaro e bancarotta fraudolenta.

Contestualmente sono state eseguite decine di perquisizioni in Lombardia, Veneto, Umbria e in Calabria. L’operazione si inserisce in una più ampia attività, coordinata dalla Direzione Nazionale Antimafia, e che ha viste coinvolte le Procure Distrettuali di Brescia e Catanzaro, con indagini svolte dai Carabinieri di Bergamo e dalle Squadre Mobili di Crotone e di Catanzaro. In azione anche la Polizia di Bergamo e la Guardia di Finanza di Bergamo.

Il blitz, proseguimento dell’operazione «Papa» che aveva già portato lo scorso marzo 2019 all’arresto di 19 persone da parte dei Carabinieri di Bergamo e del Ros di Brescia, ha permesso di accertare l’esistenza di un gruppo di persone, alcuni originari della provincia di Bergamo, altri di quella di Crotone, che avevano messo in piedi un sistema di estorsioni nell’ambito del campo dei trasporti di merce oltre a realizzare un meccanismo di false acquisizioni societarie, fallimenti fraudolenti e fornitura di prestiti a tasso usuraio.

Nello specifico, con l’intento di portare via clienti ai concorrenti, il proprietario di una ditta di trasporti della provincia bergamasca, insieme a uomini appartenenti al clan «Arena» operante a Isola di Capo Rizzuto, in provincia di Crotone, si sarebbe recato presso un suo concorrente, minacciandolo ed imponendogli un numero limitato di clienti, al fine di avere il controllo di un vero e proprio «cartello» nel settore dei trasporti dei mezzi pesanti.

Le indagini hanno permesso di accertare come, al fine di inserirsi nel mercato, gli uomini del clan «Arena», con la complicità dell’imprenditore locale, avessero attuato un complicato sistema di acquisizione fittizia di una ditta di trasporti al fine di poter operare in prima persona all’interno del settore e, soprattutto, poter riciclare soldi provento di illecite attività. Società che poi, successivamente, veniva fatta fallire in maniera fraudolenta, come riscontrato dai Carabinieri. Tutti i reati sono stati commessi con la finalità di agevolare la cosca Arena di Isola di Capo Rizzuto.

Gli uomini del clan, dopo essersi stanziati definitivamente nel territorio orobico, hanno inoltre creato un sistema di prestiti con tasso usuraio e, in un caso specifico, a fronte di un prestito elargito ad un imprenditore, avevano ottenuto, in maniera sproporzionata rispetto a quanto prestato, la parte di una vendita di un immobile, venduto ad un prezzo totalmente fuori mercato.

I Carabinieri di Bergamo sono quindi intervenuti nella mattina del 10 febbraio: quattro le persone fermate, due delle quali marito e moglie residenti a Seriate, ed altri due soggetti che sono stati raggiunti nelle loro rispettive abitazioni in Calabria e in Piemonte.

L’operazione è stata condotta anche dalla Polizia di Crotone e dal Servizio Centrale Operativo, con la collaborazione dei poliziotti delle Squadre Mobili di Bergamo, Catanzaro, Cosenza, Milano, Novara, Vibo Valentia e Reggio Calabria, del Reparto Prevenzione Crimine di Bari, Cosenza, Lecce, Vibo Valentia e Siderno e delle Unità Cinofile di Vibo Valentia e Reggio Calabria e il supporto dell’elicottero del quinto Reparto Volo di Reggio Calabria, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Dda di Catanzaro, diretta dal procuratore della Repubblica Nicola Gratteri.

Contestualmente, sono in corso perquisizioni a carico di numerosi obiettivi, anche correlati a operazioni di falsa fatturazione e altri reati fiscali. Individuati anche soggetti disposti a fare da prestanome per le società «cartiere», altri operanti nel settore della consulenza contabile e fiscale. In relazione a tali reati, le indagini e le operazioni di perquisizione sono eseguite congiuntamente al Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Bergamo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA