Mercato di Bergamo, pronto il piazzale Ma la bancarelle arriveranno in ottobre

Mercato di Bergamo, pronto il piazzale
Ma la bancarelle arriveranno in ottobre

Il nuovo piazzale del mercato di Bergamo, nella zona industriale in via Spino è pronto: 285 posteggi per auto, 22 per le motociclette e 10 per i bus turistici, che il lunedì diventeranno 173 posti per bancarelle non alimentari, 25 alimentari e 3 riservate ai produttori agricoli. Poco più di un milione di euro il costo totale.

Mancano solo le bancarelle che arriveranno intorno a ottobre: inizialmente era previsto in dopo la conclusione del primo lotto della riqualificazione di piazzale Alpini. Solo a quel punto gli ambulanti potranno dividersi e trasferirsi per lasciare spazio al futuro «verde» del piazzale della Malpensata dove verrà ampliato il parco: 36 bancarelle andranno in centro (sono già state depositate circa 60 domande), le altre al confine con il rondò dell’autostrada.

Dopo il taglio di trenta piante, che ha scatenato non poche polemiche, sono subito iniziati gli scavi per estendere la rete elettrica e le tubazioni dell’acqua. Nelle ultime settimane sono state disegnati i posti auto e la futura disposizione delle bancarelle in vernice gialla. Sono già stati posizionati anche i cartelli che indicano gli orari in cui è in vigore il divieto di sosta, identici a quelli attuali sul piazzale della Malpensata: il lunedì dalle 5 alle 17. L’ultimo tassello prima dell’apertura definitiva alle auto sono le indicazioni per i sensi di marcia e il rispetto delle precedenze. Non possono essere i classici cartelli stradali perché impedirebbero le manovre agli ambulanti, quindi Palafrizzoni sta studiando una soluzione. «Sì, il piazzale è finito - spiega l’assessore ai Lavori pubblici Marco Brembilla -, rimane solo quel piccolo problema che riguarda la segnaletica. Non possiamo utilizzare quella verticale, ma gli uffici stanno lavorando a una soluzione conforme al codice della strada».


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 14 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA