«Mi hai insegnato a vivere in modo pieno» L’emozione per l’ultimo saluto a Mapelli
Il funerale del procuratore di Bergamo, Walter Mapelli a Monza

«Mi hai insegnato a vivere in modo pieno»
L’emozione per l’ultimo saluto a Mapelli

Il ricordo commosso della moglie Laura in un duomo di Monza gremito per l’ultimo saluto al procuratore di Bergamo Walter Mapelli.

«Mi hai insegnato a vivere tutti i giorni in modo pieno come se fosse l’ultimo giorno. Sarai con noi, dentro di noi in un nuovo modo»: così la moglie Laura ha ricordato Walter Mapelli, procuratore di Bergamo durante la cerimonia funebre che si è tenuta nel pomeriggio di mercoledì 10 aprile nel Duomo di Monza. Accanto a lei i figli Francesca e Marco ad accompagnarla nell’ultimo saluto al magistrato morto lunedì scorso nella sua casa di Monza, a 61 anni, portato via da un tumore. «Eravamo preparati a questo giorno – ha ricordato la moglie di Mapelli – così diverso dagli altri, preceduto da questi due anni che hai sopportato con dignità». Sono stati i militari dei Baschi Verdi della Finanza che gli facevano da scorta dal novembre 2016, i suoi angeli custodi, a portare il feretro in cattedrale, insieme ai magistrati di Bergamo, Nicola Preteroti e Fabrizio Gaverini.

Nei giorni scorsi il magistrato aveva scritto un messaggio ai colleghi della Procura di Bergamo, di cui è stata data lettura durante il plenum di Palazzo dei marescialli: «Nel nostro tempo insieme ho cercato di ascoltare e comprendere, di perseguire l’interesse comune e di essere un punto di riferimento autorevole. La vostra crescita è stata la più bella e ammirevole risposta che potessi avere, qualunque cosa succeda continuate così». Al termine della cerimonia, concelebrata da don Fausto Resmini, cappellano delle carceri di Bergamo e presidente del Patronato San Vincenzo, il ricordo, fuori dalla chiesa, del procuratore generale Pier Luigi Maria Dall’Osso e dell’aggiunto Maria Cristina Rota.

«Un magistrato competente e pieno di entusiasmo e passione per la funzione giudiziaria che svolgeva», ma anche «un uomo mite, curioso, garbato e forte, che ha dato a tutti molte lezioni di vita anche affrontando la malattia con serenità e coraggio, senza venir mai meno al suo ruolo di procuratore e di guida»: sono le parole pronunciate dalla consigliera Alessandra Dal Moro, togata di Area. Il Csm ha così voluto ricordare Mapelli.


© RIPRODUZIONE RISERVATA