Quota 100 per 3.500 dipendenti pubblici  «Senza nuove assunzioni rischio caos»

Quota 100 per 3.500 dipendenti pubblici
«Senza nuove assunzioni rischio caos»

Anche a Bergamo il via libera alla riforma delle pensioni potrebbe creare criticità soprattutto nella Pubblica amministrazione.

Il 40 per cento dei potenziali beneficiari della quota 100 è rappresentato da dipendenti pubblici. Tradotto, a livello nazionale, significherebbero 350 mila lavoratori su un totale di un milione, mentre a Bergamo la riforma potrebbe riguardare 3.500 dipendenti su un totale di 9 mila. E anche se non tutti, essendo il provvedimento su base volontaria, dovessero aderire, il rischio è comunque che non si riescano poi a rimpiazzare. Timori che anche Vittorio Feliciani, direttore provinciale dell’Inps di Bergamo, fa propri: «Solo a Bergamo - sottolineava già nelle scorse settimane - ci sono 40-50 funzionari potenzialmente interessati da “quota 100”, il che significa circa il 15% del personale. Se tutti aderissero avremmo difficoltà a garantire il servizio».


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 8 gennaio 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA