«Rientrati a casa con le nostre figlie abbiamo trovato tutto a soqquadro»

«Rientrati a casa con le nostre figlie
abbiamo trovato tutto a soqquadro»

Allarme furti, nuovo raid a Bonate Sotto: presa di mira una famiglia con cinque figli. «Eravamo usciti per ritirare la pagella della più grande, al rientro l’amara sorpresa».

«Il timore era che fossero ancora dentro casa: e, anche se non ne abbiamo la certezza, probabilmente lo erano davvero, perché metà casa era all’aria e metà no, come se avessero dovuto piantare lì tutto a metà perché interrotti» . Ore 18 di martedì scorso, periferia di Bonate Sotto. L’ingegner Claudio Onori è appena rincasato con la moglie e le cinque figlie, tra cui quattro gemelle di quattro anni. «Eravamo stati a ritirare la pagella della più grande – racconta –: un’ottima pagella, peccato poi per la brutta sorpresa a casa». La famiglia vive in una villa singola. Usciti alle 16,30 sono rientrati un’ora e mezza dopo. Nel frattempo i ladri erano riusciti a bucare un triplo vetro della portafinestra del soggiorno (proprio come accaduto in questi giorni anche ad Alzano), dopo aver sollevato la tapparella in alluminio e averla bloccata a metà con una sedia. Con un gancio hanno quindi fatto scattare la maniglia e sono entrati, complice il buio.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 16 dicembre 2018.

© RIPRODUZIONE RISERVATA