Scuola, dal 16  le iscrizioni on line   C’è tempo fino al 6 febbraio
Il sito del Miur ancora in aggiornamento (Foto by Foto Giavazzi)

Scuola, dal 16 le iscrizioni on line

C’è tempo fino al 6 febbraio

Riguarda elementari, medie e superiori, dal 16 gennaio le iscrizioni. Da martedì però si potrà accedere alla registrazione sul portale del Miur.

L’inizio del nuovo anno è tempo di scelte per gli studenti e le famiglie che a partire dal 16 gennaio potranno iscriversi on line al prossimo anno scolastico: se per la scuola dell’infanzia la procedura infatti è cartacea, per tutti gli altri ordini e gradi di istruzione l’iter va effettuato in via telematica. Per procedere ci sarà tempo dalle 8 di martedì fino alle 20 del 6 febbraio, ma già dalle 9 di martedì 9 si potrà accedere alla prima fase di registrazione sul portale www.iscrizioni.istruzione.it; coloro che sono già in possesso di un’identità digitale Spid (Sistema pubblico di identità digitale) potranno accedere con le credenziali del proprio gestore.

La circolare con cui il ministero ha regolamentato le procedure prevede anche che le istituzioni scolastiche destinatarie delle iscrizioni possano offrire un supporto a coloro che sono sprovvisti di strumenti informatici.

Per la scuola dell’infanzia la domanda cartacea va presentata direttamente alla scuola prescelta. Possono essere iscritti le bambine e i bambini che compiono il terzo anno di età entro il 31 dicembre 2018, che hanno la precedenza. Possono poi essere iscritti coloro che compiono il terzo anno di età entro il 30 aprile 2019. Per la scuola primaria le iscrizioni sono on ine, possono essere iscritti i bambini che compiono sei anni di età entro il 31 dicembre 2018. Si possono iscrivere anche i bambini che compiono sei anni entro il 30 aprile 2019. Nell’iscrizione (sempre on line) per la secondaria di primo grado, i genitori esprimono le proprie opzioni rispetto alle possibili articolazioni dell’orario settimanale (30 oppure 36 ore, elevabili fino a 40), in presenza di servizi e strutture idonee.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 6 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA