Seriate, addio a Ferdinando Cotti Per 24 anni in consiglio comunale
Ferdinando Cotti

Seriate, addio a Ferdinando Cotti
Per 24 anni in consiglio comunale

Leghista della prima ora, era in Consiglio comunale a Seriate da 24 anni, da quando nel 1995 si insediava il primo sindaco leghista della storia di Seriate, Marco Paolo Sisana.

Diego Tempestilli è entrato per la prima volta nell’emiciclo dei consiglieri comunali di Seriate in surroga del consigliere leghista Ferdinando Cotti, stroncato da una malattia il 22 marzo scorso. Cotti, però, non era solo un consigliere. Leghista della prima ora, era in Consiglio comunale a Seriate da 24 anni, da quando nel 1995 si insediava il primo sindaco leghista della storia di Seriate, Marco Paolo Sisana. Cotti è poi divenuto assessore allo Sport, cultura, istruzione e tradizioni locali dapprima nel secondo mandato del sindaco Sisana, quindi nei due mandati del sindaco Silvana Saita.

«Abitava a Bergamo ed era di origini milanesi, alle quali è sempre rimasto attaccato, ma si era innamorato di Seriate lavorando in una banca locale – ricorda Giampaolo Volpi, presidente del Consiglio comunale –. Abbiamo cominciato insieme come consiglieri, poi per la sua disponibilità e freschezza intellettuale è stato scelto come assessore. Si presentava elegante e ordinato. Metodico nel lavoro, da assessore stimava e supportava i suoi collaboratori».

Cotti è stato promotore di almeno due eventi che continuano a figurare nella programmazione del Comune di Seriate: i «Concerti in villa» nelle dimore storiche seriatesi e la stagione lirica al teatro Gavazzeni. «Un ottimo assessore – aggiunge il sindaco Cristian Vezzoli –, sempre disponibile e propenso a parlare con tutti, maggioranza e minoranza. Mai polemico, ma riflessivo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA