Bergamo, mendicante ferisce poliziotta Fermato da un colpo di pistola

Bergamo, mendicante ferisce poliziotta
Fermato da un colpo di pistola

È successo nel primo pomeriggio di venerdì 12 maggio lungo la circonvallazione Mugazzone, tra Campagnola e Boccaleone.

Sparatoria poco dopo le 14 in città, nella zona della circonvallazione Mugazzone, tra Campagnola e Boccaleone, all’altezza della rotonda di via don Bosco. Dalla ricostruzione data dalla Digos di Bergamo ci sono due feriti, un’agente della polizia di 25 anni raggiunta da un’arma da taglio al volto e un uomo raggiunto da un colpo di pistola alla gamba.

Dalle informazioni raccolte, tutto è originato da un controllo della polizia di Stato nei confronti di un uomo, un cittadino italiano di origini senegalesi, K.S. di 48 anni, con precedenti e provvisto di un foglio di via da Bergamo ma non eseguito.

Pare che l’uomo stesse importunando gli automobilisti, chiedendo denaro sul ciglio della strada: uno di questi ha così chiamato il 112 con l’arrivo di una pattuglia della polizia di Stato. Un agente ha cercato di allontanare il mendicante che avrebbe dato in escandescenze aggredendo il poliziotto con un paio di forbici e colpendolo al petto. Caso fortuito, l’agente aveva nel taschino della camicia il cellulare che ha schermato il colpo.

L’agente ha quindi estratto lo spray urticante, in dotazione della Polizia, che però non ha fatto effetto. Sul posto è intervenuta anche la polizia locale che era nella zona e anche gli agenti sopraggiunti hanno utilizzato lo spray, senza nuovamente alcun effetto. La collega del poliziotto, un’agente di 25 anni, è quindi intervenuta per tentare di disarmare l’aggressore che l’ha colpita al sopracciglio, ferendola.

A questo punto il collega ha estratto la pistola e ha fatto fuoco, ferendo al polpaccio il senegalese che è caduto a terra. Sul posto le ambulanze del 118 che hanno trasferito sia la poliziotta sia il suo aggressore in ospedale a Bergamo. Le condizioni di entrambi non sono gravi. L’uomo è in arresto per resistenza a pubblico ufficiale e tentato omicidio.

«A nome mio e dell’amministrazione comunale, voglio esprimere solidarietà all’agente di Polizia rimasta ferita nel primo pomeriggio in città, mentre svolgeva il proprio servizio. Con l’augurio di una pronta guarigione per l’agente, rinnoviamo il sostegno alle Forze dell’Ordine che, quotidianamente, operano per il mantenimento della sicurezza sul nostro territorio» ha commentato così la vicenda il sindaco di Bergamo Giorgio Gori.


© RIPRODUZIONE RISERVATA