Sparò quattro colpi contro la moglie Il giudice lo condanna a 16 anni

Sparò quattro colpi contro la moglie
Il giudice lo condanna a 16 anni

La sentenza: Salvatore d’Appolito aveva colpito la donna, che aveva chiesto la separazione, con una vecchia pistola degli anni ’40.

Sì, era oggettivamente depresso causa la separazione dalla moglie, ma questo non significa fosse incapace d’intendere e volere. Così, mercoledì 3 luglio, il gup bergamasco Vito Di Vita ha usato la mano pesante nei confronti di Salvatore D’Appolito, il 52enne piastrellista di Villasanta di origine pugliese che il 27 settembre dell’anno scorso era salito a Scanzorosciate, dove la moglie Flora Agazzi, 53 anni di Pedrengo, lavorava da tempo come colf e come badante al servizio di un’anziana signora, e aveva esploso contro di lei quattro colpi con una vecchia pistola da guerra degli anni Quaranta.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 4 luglio 2019.

© RIPRODUZIONE RISERVATA