Svincolo A4, il dibattito  continua L’idea di un lettore: priorità all’uscita
Lo schizzo del nostro lettore

Svincolo A4, il dibattito continua
L’idea di un lettore: priorità all’uscita

Mentre le istituzioni si muovono a tutti i livelli per risolvere il problema del pericoloso svincolo autostradale di Bergamo, in rete il dibattito continua. Dopo le lettere delle scorse settimane, un altro lettore ha voluto inviarci la sua idea.

Antonio Roveda ci ha inviato questo disegno, ricavato da una foto aerea dello svincolo: «Il concetto base – spiega – è quello di dare priorità all’uscita autostradale di Bergamo con una strada diritta su cui convergono tutti gli svincoli». A differenza di quanto accade oggi, il collegamento tra il casello e via Autostrada sarebbe diretto: nel disegno si vede una strada dritta che, dall’uscita autostradale, attraversa la rotatoria passando sotto l’asse interubano e poi collegandosi appunto a via Autostrada. Gli altri svincoli della rotatoria convergerebbero poi su questa nuova arteria. Una soluzione che il nostro lettore considera funzionale e non eccessivamente costosa.

La proposta arriva dopo la notizia, pubblicata sul nostro sito e su L’Eco di Bergamo in edicola il 13 febbraio, di un incontro in Regione proprio sul tema dell’assurda rotatoria del casello autostradale di Bergamo. Convocato dall’assessore alle Infrastrutture e Mobilità Alessandro Sorte, l’incontro aveva come obiettivo quello di stendere un piano d’azione con Comune e Provincia per accelerare i tempi d’intervento per la sistemazione dello svincolo. La Regione darà un contributo per la progettazione. Step che dovrà essere preceduto dall’analisi sui flussi di traffico che interessano la rotatoria a cui stanno lavorando Palazzo Frizzoni e Provincia. In base al risultato si sceglierà la soluzione migliore tra le cinque al vaglio, che vanno da 3 a 30 milioni.

«Comune e Provincia - ha spiegato l’assessore Sorte - si sono assunti l’impegno di sviluppare uno studio del traffico sul nodo. I presenti al Tavolo di oggi hanno condiviso la necessità di affiancare e potenziare questo di lavoro in modo tale da poter poi chiedere al ministero di inserire nel Piano finanziario di Autostrade per l’Italia la riqualificazione del rondò di Bergamo. Abbiamo anche firmato una lettera da mandare al ministro Delrio così da farci trovare con la progettazione conclusa quando l’opera sarà inserita nel Piano».

© RIPRODUZIONE RISERVATA