Treni, raddoppio fino a Carnate Rfi: «È la strategia giusta»

Treni, raddoppio fino a Carnate
Rfi: «È la strategia giusta»

Il presidente della Provincia Matteo Rossi: «Necessario con lo scalo merci a Calusco». L’amministratore delegato di Rfi Maurizio Gentile: «È la strategia giusta, daremo una risposta».

C’è la conferma dei finanziamenti per i tre grandi progetti ferroviari che da anni riempiono il libro dei sogni dei cittadini orobici, ma c’è soprattutto un’apertura da parte di Rfi al raddoppio ferroviario fino a Carnate. Lo ha assicurato l’amministratore delegato Maurizio Gentile, che venerdì 17 febbraio era in città per partecipare ad un convegno sul tema «La cura del ferro in provincia di Bergamo». Gentile ha aperto alla possibilità della costruzione del secondo binario tra Ponte San Pietro e Carnate, anche in vista del futuro spostamento dello scalo merci a Calusco: «È prevedibile che questo progetto, ampiamente condiviso, farà aumentare il traffico nella zona dell’Isola – ha detto il presidente della Provincia, Matteo Rossi – serve dunque un raddoppio ferroviario almeno fino a Carnate, auspicando anche un progressivo spostamento delle merci dalla gomma al ferro».

Un auspicio in parte raccolto dalle Ferrovie: «La strategia è quella giusta – ha assicurato Gentile – prendiamo in carico questa richiesta, la analizzeremo e se ci sarà una risposta efficace in breve tempo, e in linea con i finanziamenti di cui abbiamo disponibilità, di sicuro daremo anche una risposta».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 18 febbraio

© RIPRODUZIONE RISERVATA