Vandalismi e degrado, non solo Celadina A Bergamo 58 aree dismesse – Video

Vandalismi e degrado, non solo Celadina
A Bergamo 58 aree dismesse – Video

L’ex Mangimi Moretti, l’ex centrale di via Daste e Spalenga, il Gres, la Molini in via David. E poi l’Una Hotel, l’ultimo caso documentato. Sono solo alcune delle aree dismesse della città a rischio degrado. L’Eco di Bergamo negli ultimi mesi ha dato voce ai cittadini che da tempo lamentano situazioni critiche in molti quartieri della città.

Un problema annoso, aggravato dalla crisi economica che non incentiva la riqualificazione. Vengono abbandonate e poi prese di mira dai vandali o diventano rifugio per sbandati. In totale, secondo i dati di Regione Lombardia, sono 58 i luoghi dimenticati: ex Reggiani, Ote, Sace, Gres di via San Bernardino, Molini Moretti, Molini di via David, Calcestruzzi di via San Sisto, a Colognola, Italcementi di viale Pirovano, ex Gasometro della Malpensata e tante altre. Una città fantasma all’interno della città.

CELADINA - Su L’Eco di Bergamo in edicola lunedì 20 febbraio potete trovare un ampio servizio sull’ex Una Hotel, alla Celadina. Nello stesso quartiere si può trovare l’ex centrale di via Daste e Spalenga. I residenti hanno invocato l’attenzione da parte del Comune e una maggiore presenza delle forze dell’ordine dimostrando «la reale volontà di interrompere certi meccanismi che sempre più rendono tristi alcuni quartieri di Bergamo». La centrale rientra nel bando delle periferie finanziato dal governo, quindi potrebbe tornare a nuova vita nei prossimi anni. Nel frattempo, però, è preda dei vandali.

CAMPAGNOLA - Il problema principale a Campagnola è l’ex Molini Moretti, un’area dismessa che da molti anni ospita senzatetto e mendicanti. La utilizzano periodicamente per dormire, per ripararsi dal freddo e per soddisfare i bisogni di prima necessità, nonostante i numerosi sgomberi che si sono verificati nel corso del tempo da parte del Comune di Bergamo. Lo scorso 28 dicembre sono scoppiati due incendi nel giro di poche ore: l’accampamento è andato distrutto, fortunatamente senza feriti.

RONDO’ DELL’AUTOSTRADA - Carrozzerie di vecchie automobili, sacchi dell’immondizia, cartoni, bottiglie rotte, scarpe, vestiti e molti altri rifiuti. Questo lo spettacolo che ci si trova di fronte percorrendo la stradina che taglia la rotatoria all’uscita del casello A4 di Bergamo. Qui si trova uno stabile abbandonato da molti anni e divenuto la dimora di senzatetto.

Molte di queste aree sono rientrano nel progetto «Legami urbani» lanciato da Palafrizzoni che ha vinto il bando nazionale periferie. Gli interventi legati alla sicurezza saranno concentrati a Celadina, Boccaleone, Grumello del Piano, Carnovali e Malpensata. Gli alloggi Erp (edilizia residenziale pubblica) di via Carnovali, via Martin Luther King, via Galmozzi, via Luzzatti e via Don Bosco saranno dotati di nuove telecamere per monitorare gli spazi pubblici. Oltre agli occhi elettronici sarà garantita la sorveglianza di queste zone grazie all’impiego di guardie giurate. Questa richiesta è stata più volte presentata dai residenti delle case popolari, che negli ultimi anni hanno subito decine di furti. L’amministrazione è già intervenuta potenziando l’illuminazione pubblica: l’impiego dei vigilantes sarà un ulteriore passo avanti. Gli ambiti da vigilare saranno individuati e pianificati insieme alla polizia locale, che avrà il compito di coordinare le guardie giurate e richiedere il loro intervento in caso di allarme.


© RIPRODUZIONE RISERVATA