«Vi raccontiamo Bergamo con il cuore»  Via agli abbonamenti al nostro giornale

«Vi raccontiamo Bergamo con il cuore»

Via agli abbonamenti al nostro giornale

Luoghi e protagonisti della nostra terra per la campagna del 2017. Leggero ritocco alle tariffe dopo quattro anni, ma con l’annuale sette copie si risparmia il 31%

Scrive per amore della notizia e non solo. Scrive per amore del teatro, della musica e della storia, ma anche dell’innovazione, della riflessione, della cronaca e dello sport. L’Eco di Bergamo, ogni giorno dell’anno, racconta questo e molto altro ancora. E lo fa con l’amore di un cuore bergamasco.

Per tale ragione, la campagna abbonamenti del 2017 ha scelto uno slogan che richiami questo importante messaggio. E ad accompagnare le parole, ci saranno le immagini con i luoghi e i protagonisti della vita bergamasca, come il gruppo musicale per la Donizetti Night, la cerimonia di riapertura dell’Accademia Carrara e Lisa Morzenti, medaglia d’argento ai Mondiali juniores di ciclismo in Qatar.

È, dunque, un messaggio pieno d’affetto quello rivolto a chi, in vista dell’arrivo del nuovo anno, intende attivare o rinnovare l’abbonamento. Un servizio utile per chi vuole vedersi recapitare il quotidiano a casa, tramite posta o con consegna all’americana (nei comuni dove è prevista la portatura a domicilio la mattina presto) oppure per chi preferisce andare a ritirarlo in edicola, senza doverlo pagare al momento e beneficiando delle tariffe agevolate.

Chi sceglierà il contratto annuale di sette giorni, si troverà, infatti, a pagare 319 euro (solo 0,89 euro a copia), l’annuale sei giorni 289 euro (solo 0,94 euro a copia). C’è anche la possibilità dell’abbonamento semestrale: in questo caso la tariffa per i sette giorni è di 185 euro (solo 1,03 euro a copia), per i sei giorni 6 giorni 159 euro (solo 1,03 euro a copia). E ancora, per il trimestrale sette giorni 95 euro (solo 1,06 euro a copia), per il sei giorni 82 euro (solo 1,06 euro a copia). Tariffe leggermente ritoccate dopo quattro anni in cui erano rimaste invariate: una decisione necessaria al fine di mantenere e aumentare la qualità del servizio e di estendere progressivamente la consegna tramite portatori in quelle zone della provincia al momento scoperte. Ma la convenienza resta: ad esempio, il risparmio supera il 31% nel caso in cui si scelga l’abbonamento annuale sette copie.

Come in passato, restano le diverse modalità di pagamento, così da consentire al lettore di scegliere la preferita: tramite addebito bancario mensile, tramite bollettino postale o bonifico bancario oppure con contanti, assegno, bancomat o carta di credito presentandosi allo Sportello Abbonati. E per i lettori che si recheranno negli uffici per attivare o rinnovare l’abbonamento, ad aspettarli ci sarà una sorpresa: una stampa a colori del profilo di Città Alta visto da Porta Nuova realizzato in acquerello e china da Alfredo Panzeri, collaboratore di Spm. Si tratta di un’opera con cui Sesaab vuole far conoscere il valore, anche artistico, che sta dietro i tanti collaboratori. Accade ogni anno, ad esempio, quando vene esposto nell’ingresso della sede del giornale il presepe di Giacomo Buzzetti, backoffice dello sportello Spm. Dietro ogni lavoratore del giornale e di tutto quanto ruota attorno ci sono runners, scrittori, ciclisti, appassionati di arte, fumetti, musica e altro ancora. Dietro le voci che rispondono al telefono o che contattano per un articolo di giornale c’è un mondo di passioni e di amore per questa terra: un cuore bergamasco.

Per le informazioni sulla campagna abbonamenti è possibile chiedere direttamente agli uffici (all’indirizzo di viale Papa Giovanni XXIII, 118, aperti dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18, il sabato dalle 8.30 alle 12) oppure chiamando lo 035.358.899, o ancora mandando una mail all’indirizzo: abbonamenti@ecodibergamo.it o collegandosi al sito www.ecodibergamo.it/abbonamenti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA