Domenica 31 Gennaio 2010

«Poveri ma belli» al Creberg
Guarda il video del musical

Gli anni '50 senza troppa nostalgia. Roma senza farla diventare romanesca. Una storia tratta da un film famoso, senza per questo farne il bignami né il birignao. I pregi di Poveri ma belli, visto sabato sera al Creberg Teatro Bergamo (con poco meno di 600 spettatori) e in replica ieri pomeriggio, sono questi. E non è male, affatto. Così come non dispiace la confezione di questo musical davvero nostrano, per soggetto e sapore: vi contribuiscono la regia di Massimo Ranieri ripresa da Roberto Bani, la musica di Gianni Togni e le coreografie di Franco Miseria, per la produzione de Il Sistina (un marchio, uno stile) e Titanus.

Per dirla con una battuta, Poveri ma belli è la vecchia commedia musicale all'italiana, aggiornata alla lezione dei musical internazionali. Il ritmo è più serrato; la colonna musicale ha una funzione di struttura e non solo ornamentale; le canzoni hanno un ruolo drammaturgico oltre che di espressione lirica; i brani di danza (mai coreografie particolarmente elaborate, ma ben eseguite) si intrecciano e sciolgono nell'azione. Il risultato è uno spettacolo di buona fluidità, soprattutto nella prima parte, che introduce personaggi e storia. Storia che è quella del film di Dino Risi del 1956: una commedia senza impegno che, proprio per questo, seppe esprimere lo spirito dei tempi meglio di altre.

La storia è nota. Romolo e Salvatore (Michele Carfora e Antonello Angiolillo) corrono allegramente dietro alle ragazze nella Roma degli anni '50, che si è leccata le ferite della guerra e già pensa al boom. Le cose si fanno serie – uscendo da questa versione proletaria della dolce vita – quando s'innamorano e si contendono Giovanna (Emy Bergamo), in lite con il fidanzato. La cosa spiace alle sorelle dei due ragazzi (Francesca Colapietro e Samantha Fantauzzi): ognuna di loro è innamorata, da sempre, dell'amico del fratello. È superfluo raccontare come finisce: per chi non ricordasse il film, basti ricordare le leggi dell'amico e del lieto fine.

Qui sta anche il succo dello spettacolo. Poveri ma belli è la storia di una maturazione a prova di amicizia. Ed è anche la storia – e qui sta quel pizzico di nostalgia che non si può eliminare – di una giovinezza spensierata, in un'Italia che era anch'essa giovane, cresceva e guardava al futuro con speranza, ma al momento opportuno sapeva fare sul serio. Tutte cose che avevano un senso. E forse ne hanno ancora, almeno per la parte che riguarda l'amicizia e l'appello a una frugalità che aiuta a vedere le cose nella loro giusta dimensione. Rimane – di questa storia semplice, questo musical veloce – una sensazione di freschezza.

Il testo di Massimiliano Bruno ed Edoardo Falcone rivisita la vicenda del film, puntando a farne una storia autonoma. La musica di Togni coglie lo spirito del progetto spaziando dal pop alla musica latina, con venature jazz e rock, in modo di dare un «sound» ad ogni personaggio e richiamare un'atmosfera, più che un periodo e un luogo precisi. Anche per questo le scene di Marco Calzavara sono più funzionali che realistiche, e i costumi di Giovanni Ciacci riutilizzano alcuni stilemi d'epoca più che farne il verso. Buono il gruppo degli attori. Meritavano un pubblico più numeroso.

k.manenti

© riproduzione riservata