Martedì 03 Maggio 2011

Alzano, a S. Michele Arcangelo
le opere di Mario Paschetta

Un nuovo tassello si aggiunge all'itinerario previsto per la mostra «Genesi: in principio» dell'artista milanese Mario Paschetta. Da sabato 7 maggio e fino a martedì 24 sarà infatti possibile ammirare la ricca selezione di opere che l'autore ha voluto dedicare al tema dell'origine della Vita e dell'Uomo in una nuova sede espositiva: la Chiesa di San Michele Arcangelo in Alzano Lombardo (Bergamo).

Spiega al proposito Angelo Piazzoli, Segretario Generale della Fondazione Credito Bergamasco e curatore della rassegna: «Realizzata grazie ad un'iniziativa della Fondazione Credito Bergamasco, questa mostra - allestita per la prima volta nello scorso mese di ottobre, presso il Centro Culturale San Bartolomeo in Bergamo e successivamente, nel mese di dicembre, a Romano di Lombardia nelle belle sale del Museo d'Arte e Cultura Sacra - prosegue ora, arricchita da nuove opere, ad Alzano Lombardo dove è stata allestita, in collaborazione con la Parrocchia e con il locale Museo di Arte Sacra, nella Chiesa di San Michele Arcangelo».

Accompagnata da un catalogo di grande qualità in distribuzione gratuita al pubblico dei visitatori, la rassegna - che offre un'appassionata rilettura ed un'approfondita interpretazione delle giornate bibliche della Creazione - ha avuto in pochi mesi uno strepitoso successo in termini di risposta del pubblico: la sfida, raccolta dai curatori e dall'autore, è stata vinta.

Specifica al proposito Angelo Piazzoli: «La mostra “Genesi: in principio” è il risultato di una “provocazione” della Fondazione Creberg ad un grande artista, precedentemente non dedito alla tematica sacra ma con uno spiccato gusto plastico della materia, chiamato a produrre ex novo dipinti ispirati al primo Libro della Genesi, sviluppando un percorso di approfondimento, biblico e teologico, dell'argomento che costituisse poi la base teoretica sulla quale costruire un itinerario espositivo di grande forza evocativa».

Scarica l'allegato per saperne di più

a.ceresoli

© riproduzione riservata