Giovedì 10 Novembre 2011

In scena la storia dell'asinello Shamar
A Dalmine il Teatro delle Meraviglie

Si aggiunge un altro tassello della programmazione culturale di Dalmine. Dopo l'inaugurazione, lo scorso 29 ottobre, della Stagione teatrale 2011-2012 con lo Shakespeare rivisitato di Lostinlove, Il Teatro delle Meraviglie riprende il 13 novembre con il meglio della produzione teatrale per ragazzi nazionale senza dimenticare un paio di appuntamenti «made in Bergamo».

Realizzata in collaborazione con Pandemonium Teatro, la rassegna comprende 6 spettacoli e durerà fino al 29 gennaio. «In questi ultimi anni abbiamo scommesso molto sul rafforzamento delle politiche culturali dedicate all'infanzia e alla famiglia – afferma l'assessore alla cultura, Gianluca Iodice –. Siamo consapevoli che, oltre a presidiare l'età adulta, è dall'educazione sin da piccoli e in stretta connessione con l'ambiente familiare che si sviluppa l'amore per il teatro e più in generale per la cultura. Per questo, intendiamo proseguire su questa strada, consolidando di anno in anno gli interventi nel settore».

Primo appuntamento con «L'Asinello di Shamar» del Teatro Evento di Modena (testo e regia di Sergio Galassi, con Cristina Bartolini e Massimo Madrigali). Una storia che si svolge tanto tempo fa, in un posto molto lontano. Shamar, giovane figlio di un contadino, aiuta il padre nel lavoro ed ogni giorno accudisce un gruppo di asinelli utilizzati nel trasporto di legna ed altro: tra questi, il più affezionato a Shamar è il vecchio Piccolo che, peraltro, riceve dal padroncino più attenzione di qualsiasi altra bestia. Ma, come si è detto, Piccolo, ormai, è vecchio, stanco e debole, tanto da portare a termine il proprio lavoro molto più lentamente degli altri asinelli. E così, Shamar riceve dal padre l'ordine di portare Piccolo al mercato e di venderlo: il ragazzo è disperato, ma non può far altro che obbedire. Riuscirà Shamar a staccarsi da Piccolo? Troverà un nuovo padrone degno dell'abnegazione mostrata dall'asinello nel corso della sua lunga e dura vita? Molti saranno gli incontri, molte le persone cui Shamar dovrà opporre un rifiuto, o da cui dovrà addirittura fuggire per salvare la vita del suo vecchio amico! Finché, in una notte rischiarata dal fulgore di una stella dalla lunga coda, Shamar incontra un uomo ed una giovane donna incinta, in cammino verso un paese di nome Betlemme: la donna è stanca, affaticata, avrebbe bisogno di un mezzo di trasporto per riuscire a portare a termine il suo lungo viaggio. Shamar capisce di aver finalmente trovato le persone giuste per il suo asinello e aiuta l'uomo ad issare la giovane donna sulla groppa di Piccolo; ma ancora non riesce a staccarsi dal suo amico e, con discrezione, lo segue a distanza, fino a Betlemme, dove, sul limitare di una stalla, assisterà all'evento più importante e più misterioso di tutti i tempi.

Informazioni utili
Ingresso 5 euro.
Per maggiori informazioni: Comune di Dalmine - Ufficio Cultura: tel. 035 564952, e-mail: e-mail: [email protected], www.dalminecultura.bg.it; Pandemonium Teatro: tel. 035 235039 - fax 035 235440, e-mail: [email protected], www.pandemoniumteatro.org.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata