Lunedì 14 Maggio 2012

Da fioraia a cantante con «Arrivi»
Rosalba è in concerto a Milano

«I sogni bisogna coltivarli, poi realizzarli». Questa è la filosofia di Rosalba Piccinni, fioraia dei vip e cantante per passione cocente. Lei canta da quando era piccola, ha affrontato una lunga gavetta e ora con il suo primo album ufficiale è in concerto martedì 15 maggio al Blu Note di Milano.

In questi anni ha fatto di tutto, cantato rock e jazz, qui la linea è pop. «Arrivi» (Egea) è un disco intrigante, disegnato con passione da uno staff giovane e agguerrito che ha messo al centro la contagiosa personalità della cantante bergamasca. «Volevo regalarmi il disco dei miei primi quarant'anni. Ero convinta che prima o poi arrivasse qualcuno che credesse veramente in me. In passato ho avuto diverse occasioni, però non ho mai voluto smettere di lavorare: volevo tenere i piedi per terra. Ho sempre cantato nei locali, dopo il lavoro. Era una necessità. Quando sono entrata negli anta mi sono detta: ora è il momento, mi regalo un album. Ho trovato i ragazzi del Kitchen Studio (gente che lavora con Vinicio Capossela, Gianmaria Testa, i Mercanti di Liquore, ndr) e Simone Pirovano, che è un buon compositore. Era la prima volta che qualcuno scriveva per me. Abbiamo parlato a lungo e sono nate le canzoni. Caterina Caselli era molto interessata, ma da quando le abbiamo dato il master è passato un anno. Aveva altro per la testa, è normale».

«Arrivi» si chiude con una canzone che al Festival di Sanremo fece epoca, nel 1959: Tua, cantata allora da Jula De Palma. Qui la versione è minimal: voce, chitarra, contrabbasso. Una traccia spogliata dal melodismo anni Cinquanta. Intanto Rosalba sogna Sanremo. E un nuovo negozio di fiori da aprire a New York.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata