Mercoledì 27 Marzo 2013

Di una società di Bergamo
un documentario sul Papa

C'è la mano bergamasca nell'«instant documentary» (letteralmente documentario istantaneo) su Papa Francesco, prodotto in soli dieci giorni. È la mano di Officina della Comunicazione, società di produzione cinematografica e multimediale, con sede a Bergamo, a Redona, che ha prodotto il documentario insieme al Centro televisivo vaticano. Ma c'è di più: è la prima volta che una società bergamasca produce un documentario ufficiale con la Santa Sede.

Il documentario uscirà in dvd allegato al «Corriere della Sera» a partire dal 2 aprile e viene presentato questa mattina alle 12,30 nella Sala stampa vaticana con gli interventi dell'arcivescovo Claudio Maria Celli, presidente del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni sociali; di padre Federico Lombardi, direttore della Sala stampa vaticana; di Ferruccio De Bortoli, direttore del «Corriere della Sera»; di Luigi De Siervo, della Rai, e di monsignor Dario Edoardo Viganò, direttore del Centro televisivo vaticano.

«Questa produzione – raccontano Nicola Salvi ed Elisabetta Sola, amministratori di Officina della Comunicazione – parte da un progetto condiviso dalla nostra società e dalla Rai, con cui collaboriamo da anni per progetti multimediali. In soli dieci giorni abbiamo realizzato un “instant documentary” di 50 minuti, salvaguardando la qualità di contenuti e immagini».

Il documentario racconta il pontificato di Papa Francesco. «Si inizia con l'annuncio dell'elezione – aggiungono Salvi e Sola –, per proseguire con l'apparizione di Papa Bergoglio sulla loggia della basilica di San Pietro e le sue prime parole. Poi si torna indietro cronologicamente, mostrando Papa Benedetto XVI che in elicottero si trasferisce a Castelgandolfo e spiegando le motivazioni della sua rinuncia. Quindi si mostrano le uscite del nuovo Pontefice, fra cui le bellissime immagini dell'abbraccio con il predecessore. Sono state usate anche immagini inedite del Centro televisivo vaticano».

La regia del documentario è frutto di una équipe coadiuvata da monsignor Viganò, Salvi e Sola, mentre è stato prodotto dal Centro televisivo vaticano. «Officina della Comunicazione – affermano i due amministratori e fondatori – collabora con monsignor Viganò da due anni. E ci sono altri progetti in cantiere». Su idea di Doriano Bendotti, coordinatore del Centro Studi Fra Tommaso da Olera, Officina della Comunicazione ha già prodotto un film documentario sul frate Cappuccino che sarà beatificato il 22 settembre prossimo nel Duomo di Bergamo.

e.roncalli

© riproduzione riservata