Martedì 06 Maggio 2014

Fondazione Creberg con Kendoo
Nuovo sostegno per la cultura

La homepage di kendoo.it

Fondazione Creberg e Kendoo.it, di nuovo insieme per valorizzare la cultura e il patrimonio artistico-musicale e migliorare le condizioni della comunità di Bergamo e provincia.

La Fondazione Credito Bergamasco, da sempre impegnata in diverse attività in campo artistico, culturale e particolarmente vicina al territorio, rinnova il suo sostegno alla piattaforma di crowdfunding locale Kendoo.it, il sito realizzato da MediaOn, società del gruppo Sesaab che si occupa dello sviluppo di progetti innovativi per il web.

Il portale è stato infatti ideato con lo scopo di favorire il finanziamento collaborativo secondo un modello che negli Stati Uniti si sta diffondendo enormemente ma che in Italia è ancora poco conosciuto e sfruttato e del quale Kendoo, online da poco più di un anno è stato pioniere a livello locale.

Il meccanismo è semplice: sul sito è possibile scoprire i dettagli di un progetto, l’ente promotore, la somma da finanziare per raggiungere l’obiettivo e il tempo entro il quale è possibile contribuire. Il denaro per sostenere un’iniziativa viene messo a disposizione da chiunque creda nel progetto con piccole donazioni, ricevendo come riconoscimento per il proprio contributo un dono. Il successo dei progetti è reso possibile grazie, oltre al supporto di L’Eco di Bergamo, a quello dato da Fondazione Credito Bergamasco, primo partner importante del portale, il quale viene in aiuto a Kendoo finanziando il 10% per ogni progetto attivato: in questo primo anno di attività i progetti pubblicati sulla piattaforma e che hanno raggiunto il completo finanziamento sono stati 10, mentre attualmente sono 4 i progetti online e uno solo non ha raggiunto la somma necessaria alla propria realizzazione.

Soddisfatto Marco Sangalli, amministratore delegato di Mediaon: «Dopo un anno siamo felici e soddisfatti che la partnership con Fondazione Creberg sia stata rinnovata: ci auguriamo che in futuro occasioni analoghe di collaborazione continuino a esistere e prosperare. Invito anche tutti coloro che non hanno avuto occasione di conoscere direttamente il progetto a visitare il sito www.kendoo.it e scoprire le proposte presenti sulla piattaforma: è nostra intenzione, infatti, attivare più progetti possibili per Bergamo e provincia». 

© riproduzione riservata