Lazzaretto Estate 2021, Paolo Rossi: «Il Covid non ci ha mai fermato» - Video
Paolo Rossi al Lazzaretto (Foto by r.v.)

Lazzaretto Estate 2021, Paolo Rossi: «Il Covid non ci ha mai fermato» - Video

L’attore friulano ha portato a Bergamo lo spettacolo «L’Operaccia del pane o libertà». Nel fine settimana al Lazzaretto tre appuntamenti: venerdì 16 Michela Giraud, sabato 17 luglio «Lisistrata on Air», e domenica 18 luglio «Alice canta Battiato». Guarda.

«Benvenuti in tempi interessanti !», Paolo Rossi chiude con queste parole la serata sul palco di Lazzaretto Estate 2021. La sua è una provocazione, ma anche la costatazione lucida che per un’artista tempi critici, sofferti, dolorosi possono essere fonte di creatività, stimolo per guardare alla propria arte in modo diverso, per coglierne nuove opportunità.

«La mia mente è sempre rimasta libera anche in questo anno e mezzo, noi non ci siamo mai fermati, sempre nel rispetto delle normative, ma, come aveva fatto Shakespeare quando per la peste gli furono annullate oltre 600 repliche, abbiamo continuato a fare spettacoli, a volte non guadagnando niente, a volte a baratto nei cortili di ringhiera, nelle strade, nelle piazze. Anche quando il Ministero aveva riaperto i musei e non i teatri, abbiamo chiamato le nostre performance visite guidate alle prove dello spettacolo. Se ci tratti da illegali, noi con educazione, troviamo il modo per sopravvivere».

Guarda l’intervista a Paolo Rossi.

Per Paolo Rossi, il teatro deve tornare a essere quello che era alle origini: un’assemblea un parlamento buffo, un ridicolo processo simbolico magari anche satirico, una riunione di condominio isterica, una partita da giocarsi ogni sera con il pubblico, non contro il pubblico. Non accontentandosi di esibirsi: «è questa la nostra partita».

E Rossi con il pubblico ci sa fare, da sempre. Dai tempi del cabaret al Derby. Ogni occasione è buona per dialogare con la platea, per renderla parte del gioco, come quando all’inizio della serata dopo aver criticato l’assurda norma che impone la prima fila ad almeno sette metri dal palco (un insulto alla logica e al buon senso), chiama tutti ad alzarsi e a fare riscaldamento con lui. Su le mani, giù in ginocchio, qualche saltello. Il suo teatro è questo, l’improvvisazione innanzitutto, una scaletta che cambia ogni sera a seconda di quello che avviene attorno a lui. È la realtà a decidere la strada. E quindi diventano spunti anche i cubotti fluorescenti posizionati sul prato del Lazzaretto, un operatore che riprende lo spettacolo da sotto il palco o i cento rintocchi del Campanone, tutto diventa materia per far ridere e per creare relazione e empatia.

Il suo spettacolo «L’Operaccia del pane o libertà» accompagnato dalla band «I Virtuosi del Carso» è una storia fatta di tanti episodi, è un gioco dove reale, vero, verosimile e finzione si mischiano diventando irriconoscibili. Rossi fa il giullare, l’arlecchino luciferino e irriverente e il pubblico non può che divertirsi.

Il weekend a Lazzaretto Estate 2021 con tre appuntamenti partendo da venerdì 16 luglio con «La verità, nient’altro che la verità lo giuro!», dove Michela Giraud, una delle più popolari stand up comedian italiane e una delle protagoniste femminili del nuovo comedy show di Amazon Prime Italia «LOL: Chi ride è fuori», farà divertire il pubblico del lazzaretto.

Sabato 17 luglio «Lisistrata on Air», uno spettacolo tutto al femminile con la “Compagnia Piccolo Canto” e a cura della Fondazione Teatro Donizetti. Un lavoro esilarante, ritmico, ricco di dialetti, canti e musicalità, liberamente ispirato alla commedia di Aristofane.

Per concludere domenica 18 luglio «Alice canta Battiato», dove Alice, una delle più amate cantautrici italiane proporrà una versione acustica dei brani di Battiato accompagnata dal Maestro Carlo Guaitoli.


r.vitali
Roberto L.Vitali Giornalista Redazione Web L'Eco di Bergamo

© RIPRODUZIONE RISERVATA