Lunedì 17 Marzo 2014

Parre, Gesù e la famiglia di oggi

Andreoli colloquia con Zois

Vittorino Andreoli

A Parre martedì 18 marzo è atteso Vittorino Andreoli, veronese che dopo la laurea conseguita presso l’Università di Padova, ha lavorato all’Università di Cambridge in Inghilterra e alla Harvard University negli Stati Uniti.

Andreoli è uno degli psichiatri e criminologi più famosi sia in Italia che all’estero, autore di libri che vanno dalla medicina, alla letteratura, alla poesia, collabora con la rivista «Mente e cervello» e con «Avvenire», il quotidiano della Cei. Per l’emittente Sat2000 ha inoltre realizzato una serie di programmi dedicati agli adolescenti.

La sua presenza, insieme a quella del giornalista Giuseppe Zois, si colloca nel solco di un percorso promosso dalla parrocchia per trattare il tema dell’educazione e la serata-dibattito si preannuncia carica di interesse, vista l’autorevolezza, l’esperienza e l’ironia di Andreoli».

Di recente Andreoli ha scritto «Il Gesù di tutti», mentre l’ultima opera letteraria dello psichiatra veneto, edita nel 2014, è intitolata «L’educazione (im)possibile» ed è una guida per orientarsi in una società senza padri.

La serata parrese, che prenderà il via alle 20,30 presso il cineteatro dell’oratorio, verrà proposta come una conversazione condotta dal giornalista Zois lungo un filo che unisce proprio Gesù e la famiglia di Nazaret con la famiglia fragile e spesso smarrita di oggi.

Sarà interessante scoprire l’esito della perizia psichiatrica sull’uomo Gesù che 2000 anni fa ha tracciato strade educative decisive per l’uomo, per arrivare alle incertezze e alla debolezza dei modelli di oggi. E sarà utile indagare alla ricerca di preziosi indizi per ritrovare le tracce di un cammino educativo che aiuti ad affrontare le sfide ineludibili della modernità, con entusiasmo e coraggio.

© riproduzione riservata