Scuola di cinema e regia a Oriocenter Almeno 1.200 studenti per il primo ciak
Il comico Frank Matano e e il regista Matteo Martinez con il presidente Giancarlo Bassi e gli studenti a Oriocenter

Scuola di cinema e regia a Oriocenter
Almeno 1.200 studenti per il primo ciak

L’obiettivo principale è che i ragazzi entrino a contatto con le tematiche della comunicazione e dei linguaggi multimediali.

Il primo mall italiano che fa scuola con cinema e registi. Oriocenter diventa un luogo di sperimentazione e incontro per gli studenti delle scuole di Bergamo e provincia con l’avvio del progetto «Settima Arte» che coinvolge anche il Mediacenter Che Classe de L’Eco di Bergamo. L’obiettivo principale è che i ragazzi entrino a contatto con le tematiche della comunicazione e dei linguaggi multimediali, che quotidianamente utilizzano, attraverso uno sguardo differente e, nello specifico, che il cinema, ovvero la settima arte, sia il motore di questo incontro. Gli studenti apprenderanno come sia possibile fare scuola attraverso il cinema e viceversa, sviluppando nuove chiavi di lettura della realtà di ieri e di oggi e persino le capacità di raccontarla.

Il percorso Settima Arte Festival richiede agli alunni delle classi coinvolte di diventare produttori di cortometraggi, mettendo in gioco le conoscenze che già possiedono e quelle che acquisiranno in itinere.

I riconoscimenti agli studenti vincitori del corto

I riconoscimenti agli studenti vincitori del corto

I corti, protagonisti del concorso e prodotti all’interno di Oriocenter, verranno giudicati durante il Festival da una giuria di esperti del mondo cinematografico, con la presenza di un personaggio di spicco ogni volta diverso. Oriocenter, come promotore e luogo designato per il Festival, accoglierà gli studenti nelle varie attività, creando spazi in cui la cultura; l’arte e la scuola s’incontrano e si fondono per un apprendimento sul campo affinché i ragazzi siano i principali protagonisti degli eventi che li riguardano. Dodici gli istituti coinvolti, per un totale di dodici classi, che negli eventi che si svolgeranno il sabato mattina a Oriocenter, anche grazie alla collaborazione con UCI Cinemas, saranno chiamate a presentare i loro prodotti.

L’intero Festival muoverà un numero di oltre 1200 studenti.

Il programma, nello specifico, prevede che i ragazzi coinvolti attraverso il piano di alternanza scuolalavoro della durata di 40 ore, realizzino un cortometraggio, a seguito della consegna di un oggetto da parte della commissione. L’unico vincolo sarà proprio la presenza dell’oggetto sopracitato. All’evento di presentazione, oggi a Oriocenter, sono intervenuti 200 studenti che partecipano al progetto, di due istituti scolastici; l’attore comico Frank Matano e il regista Matteo Martinez, eccezionali membri della giuria di questo appuntamento. Sono intervenuti Giancarlo Bassi, Presidente del Consorzio Operatori Oriocenter e Paolo Ferrari, Presidente di Promoscuola.

Il set degli studenti aspiranti registi dentro Oriocenter

Il set degli studenti aspiranti registi dentro Oriocenter

Protagonisti dell’evento gli studenti della classe del Liceo Scientifico Amaldi di Alzano Lombardo, alla quale è stata data come oggetto di scena lo scontrino e con quella del Liceo Linguistico Falcone di Bergamo che ha realizzato il corto avente come oggetto l’ascensore. Durante la mattinata è stato scelto il soggetto per i prossimi due istituti scolastici che vivranno l’esperienza a febbraio: il Liceo Simone Weil di Treviglio e il Liceo La Traccia di Calcinate. I corti delle classi saranno giudicati sabato 23 febbraio 2019 con un altro ospite del mondo del cinema. Gli studenti potranno in questo modo mettersi in gioco e sviluppare le loro capacità, la fantasia e uno sguardo totalmente nuovo, indagando la realtà, apparentemente banale, che li circonda.


© RIPRODUZIONE RISERVATA