Vivere da alpini per una settimana 52 ragazzi alla prova a Calusco d’Adda

Vivere da alpini per una settimana
52 ragazzi alla prova a Calusco d’Adda

Per una settimana dormiranno in tenda e le loro giornate saranno scandite dal suono della tromba. Sono 52 i ragazzi che da domenica sono accampati al campo scuola degli alpini, nel prato del convento di Baccanello, a Calusco d’Adda.

Condivideranno non solo momenti di autentica «vita da alpini». Ma anche giornate di svago e avvicinamento alle tecniche del primo soccorso. Un’avventura che contagia anche le ragazze, che sono una ventina. I partecipanti sono 52, 32 maschi e 20 femmine, ragazzi di quinta elementare e prima media, con 8 assistenti di scuola superiore. Ieri il via, con il saluto ai genitori prima di iniziare alle 18,30 la vita del campo scuola che proseguirà per tutta la settimana con un denso programma di attività.

«Quest’anno purtroppo abbiamo dovuto lasciare a casa dieci candidati perché non c’era posto: il campo allestito ha una certa capienza e oltre non possiamo andare – spiega il capogruppo Ana di Calusco d’Adda, Antonio Colleoni –. A malincuore abbiamo dovuto dire di no. Questo è un successo che ci lusinga perché vuol dire che in questi quattro anni abbiamo seminato bene. I ragazzi che vogliono partecipare cercano un po’ di avventura, respirare lo spirito di gruppo, partecipare alle varie iniziative di addestramento formale, la formazione che diamo e anche marciare, perché per i ragazzi diventa divertimento. Proponiamo anche dei momenti di svago e gite. E tutto questo li attira».


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 10 giugno

© RIPRODUZIONE RISERVATA