A New York progetto  la start-up e sogno l’Europa

A New York
progetto
la start-up
e sogno l’Europa

«Sto vivendo la vita che sognavo da bambina». Inizia così a raccontare la sua esperienza Alice Fiammenghi, 24enne cresciuta sulle rive del lago d’Iseo, a Castro, che da giugno 2019 vive a New York. «Sono una persona estremamente curiosa – racconta -, ho sempre voglia di imparare e scoprire nuove cose, avere nuovi stimoli, mi annoio facilmente e per questo non sto mai ferma. Ho sempre amato le lingue straniere e sin dai tempi delle scuole superiori ho studiato inglese, francese e tedesco. Dopo la maturità, a 19 anni, mi sono trasferita a Bergamo per frequentare il corso di Direzione d’ Azienda, presso il dipartimento di Economia dell’Università degli Studi di Bergamo, dove ho condiviso casa con altre studentesse fuorisede. Al secondo anno di Università ho capito che era il mio momento, dovevo e volevo uscire dalla zona di comfort che si ha a casa, e così decisi di partire per un periodo di studio all’estero grazie al programma Erasmus+, creato e finanziato dall’Unione Europea. Così sono volata in Spagna, dove ho avuto l’opportunità di imparare una nuova lingua da zero e conoscere studenti provenienti da tutto il mondo. Mi sono innamorata di questo paese».

«Questa esperienza – prosegue - mi ha permesso di capire quanto siano diverse l’Italia e la Spagna nonostante molte volte, essendo entrambi Paesi sud europei, vengano visti come simili. Mentre il clima e il cibo possono essere considerati quasi uguali, la maniera di affrontare la vita quotidiana è completamente diversa. Inoltre, la Spagna è un paese più collettivista mentre l’Italia è molto più individualista, con tutti i pro e i contro che ne possono derivare. Quello in Spagna fu il periodo dove conobbi me stessa più di sempre e misi sempre più interesse nel mio percorso di studio, al punto che finita la laurea triennale decisi di iscrivermi al corso di Laurea Magistrale in International Management, Entrepreneurship and Finance, insegnata in inglese, sempre all’ Università degli studi di Bergamo. Il primo anno è stato veramente tosto: ero combattuta dalla malinconia che l’esperienza in Spagna mi aveva lasciato dentro e dal poco tempo che avevo a disposizione tra studio, lavori di gruppo e volontariato.

Alice in Austria con alcuni compagni di studio

Alice in Austria con alcuni compagni di studio

© RIPRODUZIONE RISERVATA