Costruisce impianti per i vaccini: in Cina ha incontrato la futura moglie

Quando gli hanno proposto un lavoro a Singapore, prima di accettare Roberto Corna ha aperto l’atlante per capire bene dove lo avrebbero spedito. «Lo ammetto – dice – non sapevo neanche dove si trovava. Sono partito con la prospettiva di rimanerci un anno soltanto, invece ne sono già passati 14 e io sono ancora qui». Ma facciamo un salto indietro: Roberto Corna, 40 anni di Morengo, diventa ingegnere chimico con una laurea al Politecnico di Milano, dopo essersi diplomato all’Itis Natta di Bergamo. Prima di approdare nel Sudest asiatico viene mandato un anno in Ungheria a seguire un progetto per l’azienda Gsk. Il ramo è quello farmaceutico: «Sono un processista – racconta – e sono specializzato nella divisione farmaceutica biotech. Oggi lavoro per Exyte, una compagnia che si occupa di costruire diversi tipi di impianti farmaceutici, alimentari, ma anche semiconduttori e data center».

Costruisce impianti per i vaccini: in Cina ha incontrato la futura moglie
Roberto e Lin si sono sposati e hanno avuto due bimbe

Partito da Morengo nel 2006, dopo la breve esperienza ungherese il giovane ingegnere bergamasco è volato a Singapore, dove ha lavorato alla realizzazione di progetti in quasi tutte le compagnie farmaceutiche del posto: Gsk vaccini, Msd, Novartis, Lonza, Amgen, Pfizer e altre ancora, «e quando me lo chiedono – dice – collaboro con altre aziende e per altri progetti in Cina, Malesia, Thailandia, Australia e Vietnam». Le mansioni di un ingegnere chimico processista non sono sempre facili da afferrare, e quando si sente parlare di Pfizer, ormai, si associa il nome dell’azienda con i vaccini anti Covid. Meglio, quindi, farsi spiegare bene: «Mi occupo della progettazione dei macchinari – spiega –. Quando un’azienda vuole costruire un impianto, insieme al team con cui lavoro progettiamo la fabbrica e io, in particolare, sono specializzato nei macchinari di processo». Dunque, non un lavoro diretto sui vaccini anti Covid, «anche se – dice ancora Roberto Corna – durante la prima fase della pandemia abbiamo aiutato con il nostro lavoro a realizzare prodotti per aiutare i pazienti con problemi respiratori».

© RIPRODUZIONE RISERVATA