Acqua, scattano i rincari in Pianura Conguaglio in bolletta per 15 paesi

Acqua, scattano i rincari in Pianura
Conguaglio in bolletta per 15 paesi

Nell’area di Cogeide aumento medio del 12%. La società: «Inevitabile, da sette anni nessun ritocco». Nuove fasce di consumo: chi vive solo pagherà di più.

Sono in arrivo in 15 paesi della Pianura le bollette dell’acqua di Cogeide (la società che gestisce il servizio idrico integrato) in cui si inizieranno a sentire gli effetti dell’aumento del 12% delle tariffe a cui il Consiglio provinciale ha dato a fine anno il via libera. Aumento che è retroattivo: è stato calcolato che una famiglia media di tre-quattro persone, riceverà una bolletta più pesante di circa 15-20 euro. Una volta che li avrà pagati avrà regolarizzato la sua posizione per il 2019.

«L’adeguamento previsto – affermano da Cogeide – sconta il mancato aggiornamento delle tariffe negli ultimi sette anni. Per venire comunque incontro all’utenza, in occasione della bolletta di conguaglio è stato previsto un prolungamento dei termini di pagamento rispetto ai consueti standard». Va inoltre detto che questo 12% di aumento non riguarderà indistintamente tutti gli utenti, ma è solo una media degli aumenti che verranno applicati in base al consumo. Dal primo gennaio, infatti, sono anche state introdotte delle fasce di consumo diverse rispetto a quelle in base a cui fino all’anno scorso si era pagato e «che – afferma Pierangelo Bertocchi, presidente dell’Ato (l’ente a cui spetta verificare se le variazioni di tariffe richieste dalle società gestori siano motivate) – erano più penalizzanti per le famiglie numerose».

© RIPRODUZIONE RISERVATA