Bambina inghiotte una batteria e muore Tragedia a Carobbio degli Angeli

Bambina inghiotte una batteria e muore
Tragedia a Carobbio degli Angeli

Aveva tre anni, del Bresciano, era ospite dai parenti per sfuggire all’emergenza del coronavirus. Ha preso e messo in bocca una pila estratta da una sveglia. Oggi le esequie in forma privata. Lascia quattro fratelli.

Ha ingerito una batteria stilo, di quelle che alimentano i giocattoli, ed è morta per soffocamento e per lesioni interne provocate dalle sostanze nocive rilasciate nello stomaco. Una morte atroce e assurda quella della piccola C. M. R., di tre anni, spirata dopo il suo arrivo in ospedale, al Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Il fatto è successo nella giornata di venerdì a Cicola di Carobbio degli Angeli, dove la famiglia rom si era trasferita da qualche settimana a casa di familiari.

Dopo la corsa disperata in ambulanza, il cuoricino della piccola ha smesso di battere in ospedale. È stata effettuata l’autopsia disposta dal Papa Giovanni per verificare le cause del decesso. Si tratta con molto probabilità di un incidente, una tragica fatalità avvenuta davanti ai genitori e ai quattro fratelli che non hanno potuto far nulla per evitarlo e per salvarle la vita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA