«Botte e insulti dal mio ex marito perché volevo realizzarmi sul lavoro»

«Botte e insulti dal mio ex marito
perché volevo realizzarmi sul lavoro»

«Volevo emanciparmi ma lui mi ostacolava»: una preside denuncia 20 anni di violenze subite dal marito. Il caso finisce a processo: l’imputato nega gli addebiti.

Minacce, insulti, maltrattamenti e atteggiamenti assillanti, oltre in alcune occasioni a vere e proprie percosse e, in qualche caso, anche abusi. Il tutto, ha sostenuto mercoledì 13 marzo in aula la vittima, per ben vent’anni, in una famiglia all’apparenza del tutto normale, e solo per impedire alla donna – stando alle accuse – una forma di emancipazione e di realizzazione personale . «Cercavo una mia emancipazione, volevo studiare e realizzarmi – ha detto la donna, 42 anni, preside di una scuola privata specializzata in recupero anni scolastici e residente in un paese dell’hinterland (omettiamo l’indicazione a tutela sua e dei figli minori) –. Lui mi ha ostacolata e insultata ripetutamente. Però lo amavo: per questo ho aspettato vent’anni prima di denunciarlo. Ho sempre sperato che cambiasse, e invece non è successo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA