Studenti e professori con sintomi sospetti  In tre giorni 200 test nella Bergamasca

Studenti e professori con sintomi sospetti
In tre giorni 200 test nella Bergamasca

Prevenzione. La maggior parte mercoledì con 150 esami soprattutto al Papa Giovanni e all’Asst Bergamo Est.

L’ondata era attesa ed è arrivata, incanalandosi però in una gestione ordinata. La terza giornata di ripresa delle scuole ha portato la prima vera corsa al tampone nei diversi angoli della Bergamasca: senza criticità, e questo è fondamentale, ma comunque con numeri che iniziano a tratteggiare contorni rilevanti. A essere note, al momento, sono solo le cifre relative all’affluenza e non gli esiti dei tamponi, e per la giornata di ieri si possono stimare in almeno 150 gli studenti, gli insegnanti o i collaboratori scolastici che si sono presentati in ospedale per risolvere una domanda cruciale: i sintomi accusati nelle ore precedenti sono davvero quelli del Covid? Allargando lo sguardo, secondo quanto comunicato da Ats Bergamo, da lunedì in totale sono stati «circa 200» i tamponi effettuati per il mondo delle scuole. Gli esiti non sono stati resi noti anche per una questione fisiologica: se il risultato del «bastoncino» deve arrivare entro le 23 del giorno stesso in cui ci si sottopone al test (almeno stando alle indicazioni della Regione), ancora ieri in serata si stavano processando gli ultimi tamponi di giornata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA