Covid, 126 nuovi casi ogni 100 mila abitanti Bergamo tra le meno colpite - I dati

Covid, 126 nuovi casi ogni 100 mila abitanti
Bergamo tra le meno colpite - I dati

La nostra provincia è tra le meno colpite in Italia nelle due settimane tra il 15 e il 29 novembre.

La geografia del virus proietta Bergamo altrove. Fuori dalla Lombardia, lontano dal rosso o dall’arancione. Colora questo territorio, il più drammaticamente toccato dalla prima ondata e poi «stagno» nel ritorno autunnale dei contagi, di ben altra tonalità: un verde accesso, secondo una precisa scala cromatica. Quella cioè che misura l’incidenza settimanale dei nuovi contagi ogni 100 mila abitanti – in pratica quante sono effettivamente le persone che hanno subìto l’infezione, pesate rispetto al totale della popolazione – nel periodo delle ultime due settimane, tra il 15 e il 29 novembre, giorni cruciali nell’evoluzione recente della pandemia. Nelle elaborazioni del dottor Paolo Spada, chirurgo vascolare dell’Humanitas Reserarch Hospital di Milano e tra i curatori del progetto «Pillole di ottimismo», seguitissima pagina Facebook di divulgazione, c’è la conferma dell’eccezionalità di Bergamo nella seconda ondata: nel periodo analizzato, la Bergamasca è stata la quinta provincia per minore incidenza del virus, con 126 nuovi casi ogni 100 mila abitanti per settimana. Nel concreto: solo quattro altre province d’Italia mostrano valori più bassi, e sono dall’altra parte dello Stivale: la provincia del Sud Sardegna (la zona di Carbonia, per intendersi), con 124 casi ogni 100 mila abitanti per settimana, Catanzaro (113), Agrigento (112) e Lecce (92). Su 107 province italiane, dunque, 102 mostrano una situazione peggiore di Bergamo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA