Grembiule rosso e rossetto acceso A Curno la cameriera è un robot
Gianni Ruan con la sua «nuova collaboratrice», pronta a prendere servizio in sala

Grembiule rosso e rossetto acceso
A Curno la cameriera è un robot

Ha un rossetto molto acceso, un foulard floreale, un grembiulino rosso rubino e una precisione millimetrica nel servire le pietanze ai tavoli, ma non aspettatevi di poterle chiedere dove si trova la toilette.

La prima cameriera-robot in servizio nella Bergamasca debutta oggi nel nuovo ristorante nippo-cinese «Sakari» di Curno. Gianni Ruan, il gestore del locale, originario della Cina ma residente a Bergamo da ormai undici anni, ha già un’altro locale dallo stesso nome ad Albino. Nel nuovo ristorante ha deciso di introdurre una novità high-tech, prendendo ispirazione dai suoi conterranei. «In Cina – racconta – sono molto diffusi i robot che servono nei ristoranti. Ormai tutto sta diventando sempre più automatizzato, così, sentiti i consigli di alcuni amici, mi è venuta l’idea di provare a sperimentarne uno anche qui».


© RIPRODUZIONE RISERVATA