La scorta di Palazzo Frizzoni 300 mila mascherine pronte per la città

La scorta di Palazzo Frizzoni
300 mila mascherine pronte per la città

Lo chiamano «tesoretto» e di questi tempi non c’è bene più prezioso. Nascoste in qualche angolo in uno dei tanti magazzini comunali, al sicuro da occhi indiscreti, sono stipate 300 mila mascherine.

È il fondo di riserva che Palafrizzoni ha deciso di mettere da parte in vista del futuro, qualunque esso sia, anche in caso di una eventuale seconda ondata.In attesa del vaccino, i dispositivi di protezione individuale sono il metodo più efficace per evitare la trasmissione del virus. I risultati si sono visti, così come si sono visti problemi e nuovi contagi quando le mascherine sono diventate un optional.

Memori dei primi giorni di aprile, quando trovarne una era quasi impossibile, le funzionarie del Comune di Bergamo investite di questo delicato compito hanno fatto un inventario di tutto il materiale a disposizione. Mascherine comprate, mascherine donate da privati, arrivate dall’altra parte del mondo oppure da dietro l’angolo, prodotte da aziende della provincia.

i.invernizzi
Isaia Invernizzi

Giornalista professionista, lavora a L’Eco di Bergamo dal 2016. Redattore della cronaca cittadina dal marzo 2019 dopo tre anni in redazione web. Amante dei dati in tutte le loro forme.

© RIPRODUZIONE RISERVATA