Laurea per infermieri, scoppia la polemica Caos tirocini e tesi. «Non siamo seguiti»
Il centro polifunzionale dell’Università degli studi di Brescia

Laurea per infermieri, scoppia la polemica
Caos tirocini e tesi. «Non siamo seguiti»

Crescono i malumori tra numerosi studenti, tra cui molti bergamaschi, dell’Università degli studi di Brescia alle prese con il Corso di Laurea in Infermieristica.

Nei messaggi via cellulare, in particolare degli studenti pronti a laurearsi a ottobre, si parla di un’università che negli ultimi mesi si sarebbe dimenticata di loro. Carenze su tutti i fronti: lezioni, esami, tirocini, percorso per la tesi.

«La sospensione della didattica in università imposta dal Covid poteva essere gestita molto meglio – spiegano diversi studenti impegnati nelle varie sedi dell’ateneo (Brescia, Mantova, Cremona) –. Sarà un caso, ma soltanto dopo che il vostro giornale ha contattato l’università (giovedì 4 giugno ndr), ci sono giunti i primi segnali di vita. Spiace dirlo – proseguono gli studenti – ma il presidente del Consiglio del Corso di Studio in Infermieristica (il professor Paolo Carlo Motta, ndr) e i docenti non hanno capito le nostre esigenze. Da marzo soltanto un professore ha fatto lezioni online, il poco materiale fornito non è idoneo per prepararsi bene agli esami, dei progetti previsti per alcuni esami non sappiano nulla. Hanno confermato gli esami di giugno via telematica, ma non si conoscono i termini, non si sa quando riprenderemo le attività didattiche, i tirocini (laboratori e stage) obbligatori per laurearsi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA