Le quattro stagioni di Astino: si riparte con altri interventi per 8 milioni di euro
Il complesso di Astino (Foto by Colleoni)

Le quattro stagioni di Astino: si riparte con altri interventi per 8 milioni di euro

Si prepara il programma estivo, ma la Mia assicura: «Spazi pronti per essere usati tutto l’anno, grazie anche alla nuova centrale tecnologica». Piano dei restauri, finora già investiti oltre 27 milioni.

Astino è pronto per l’estate, ma è a una versione «quattro stagioni» che pensa la Mia. Lo dice il direttore della Fondazione Giuseppe Epinati: «Qui i diversi colori del tempo emozionano, dall’alba all’imbrunire». Lo conferma il presidente Fabio Bombardieri: «Chi viene fa fatica ad andarsene, per la serenità e la pace che si respirano. Siamo pronti ad aprire tutto l’anno». Grazie anche a un nuovo «cuore tecnologico» che pulsa tra le antiche vestigia. In un inedito «viaggio emozionale» i vertici della proprietà spalancano in anteprima le porte del monastero vallombrosano, che sarà di nuovo riconsegnato alla città dal 1° giugno, presentando i lavori fatti e quelli ancora da fare, nel rispetto del valore ambientale e sociale della natura, che si risveglia tutt’intorno. «Perché ad Astino non si finisce mai», assicurano, reduci da mesi di super cantiere (anche sette le imprese all’opera contemporaneamente) sotto l’occhio vigile di due Sovrintendenze (Beni Culturali e Archeologici).

© RIPRODUZIONE RISERVATA