L’identikit dei ricoverati in Terapia intensiva a Bergamo: «Senza vaccino e colpiti dalla variante Delta»
Luca Lorini, direttore dell’Area critica dell’Asst Papa Giovanni

L’identikit dei ricoverati in Terapia intensiva a Bergamo: «Senza vaccino e colpiti dalla variante Delta»

Luca Lorini, direttore dell’Area critica dell’Asst Papa Giovanni: chi non è protetto non ha barriere contro questa variante. «Ottanta ricoverati, 25 morti. Nessuno aveva Omicron».

Mercoledì 9 morti per Covid nella Bergamasca, in 12 giorni 28 decessi: cosa sta succedendo? Cosa ci si deve aspettare, in uno scenario complessivo di contagi su numeri altissimi? «Facciamo subito una premessa: finalmente sento dire che non ha senso guardare alla contabilità quotidiana sui contagi causati dal virus, io lo sostengo dall’inizio della pandemia, perché i numeri vanno analizzati, per comprendere l’andamento della diffusione del virus, almeno settimanalmente, e confrontando periodi complessivi». Luca Lorini direttore del Dipartimento di Emergenza e urgenze e dell’Area critica dell’Asst Papa Giovanni XXIII di Bergamo sciorina le cifre senza esitazione: «Parlo di cose che so, e che vedo tutti i giorni, quindi mi riferisco soltanto ai ricoveri in Area critica nel corso della pandemia. Ebbene: nella prima ondata abbiamo avuto 4.000 pazienti ricoverati nelle Terapie intensive in Lombardia , nella seconda anche, nella terza altrettanto, numero più numero meno. In questa ultima ondata, che è partita a settembre e che ora sta ancora continuando, i ricoverati totali in Terapia intensiva sono stati 700. Di questi i morti sono stati il 30%, la percentuale di decessi invece nelle altre ondate era sul 40%, tra i ricoverati in Terapia intensiva. A Bergamo, all’Asst Papa Giovanni, nell’ultima ondata abbiamo avuto in totale 80 malati Covid ricoverati in Terapia intensiva. E di tutti questi ricoverati io ho nomi, cognomi, e varianti: ebbene, nessuno di questi è stato colpito dalla variante Omicron, ma tutti, lo dicono i sequenziamenti dei loro tamponi positivi, sono stati contagiati dalla variante Delta. Di questi ultimi 80 ricoverati la percentuale di decessi è stata del 30%, quindi 24-25 persone non ce l’hanno fatta. E nessuno di questi era vaccinato. Cosa ne deduciamo? La variante Delta sta circolando ancora, ed è quella variante che chi è vaccinato con tre dosi è riuscito a sconfiggere, mentre chi non lo è, spiace dirlo ma è proprio così, ha un rischio elevato di avere una malattia grave e, se ricoverato in Terapia intensiva, di morire».

© RIPRODUZIONE RISERVATA