L’impresa degli ospedali bergamaschi Guarite oltre seimila persone dal Covid
Il murale all’esterno dell’ospedale Papa Giovanni di Bergamo

L’impresa degli ospedali bergamaschi
Guarite oltre seimila persone dal Covid

Ecco i numeri delle persone dimesse dopo aver combattuto il virus. I direttori sanitari: «In caso di eventuale seconda ondata saremo pronti».

Sulle cancellate fuori dagli ospedali bergamaschi gli striscioni stanno sbiadendo. E con loro sbiadisce la riconoscenza nei confronti di medici e infermieri, i destinatari dei «grazie» scritti dai bimbi su vecchie lenzuola. Da eroi a semplici dipendenti statali il passo è stato molto breve. Nemmeno il tempo di elaborare davvero cosa è successo in questa terra, la più colpita dall’epidemia. Sono morte migliaia di persone, sì. Le bare stipate, i mezzi militari, le lacrime .

Migliaia, però, sono anche le vite salvate grazie agli sforzi di chi ha affrontato il virus armato non solo di guanti e mascherine, ma di esperienza, capacità, voglia di lottare. Sono oltre seimila - per la precisione 6.300, e aumentano ogni giorno - i bergamaschi che sono entrati negli ospedali bergamaschi e ora sono nelle loro case, accanto ai loro cari. Adesso che il Covid-19 sembra aver allentato la presa, questi numeri (che non sono solo numeri) rendono giustizia al duro lavoro svolto in questi mesi.

i.invernizzi
Isaia Invernizzi

Giornalista professionista, lavora a L’Eco di Bergamo dal 2016. Redattore della cronaca cittadina dal marzo 2019 dopo tre anni in redazione web. Amante dei dati in tutte le loro forme.

© RIPRODUZIONE RISERVATA