Omicidio di Gorlago, in aula a Brescia  Il 12 dicembre inizia il processo

Omicidio di Gorlago, in aula a Brescia
Il 12 dicembre inizia il processo

Chiara Alessandri, 43 anni, è accusata di omicidio premeditato e distruzione di cadavere, trovato carbonizzato il 18 gennaio a Erbusco.

Chiara Alessandri avrebbe ucciso Stefania Crotti con quattro colpi di martello in testa, poi avrebbe caricato il corpo nel baule della Mercedes nel garage di casa, a Gorlago, trasportandolo in Franciacorta e scaricandolo in un campo di Erbusco. Ancora in vita, per quanto non più cosciente, secondo gli inquirenti che hanno trovato il corpo carbonizzato il 18 gennaio; già morta, Stefania, dopo essere caduta in garage a seguito di una collutazione e aver sbattuto violentemente la testa su uno stipite nel tardo pomeriggio del giorno prima, il 17 gennaio, secondo la versione difensiva di Chiara Alessandri. Che poi, ha sostenuto fin dai primi interrogatori, in preda al panico avrebbe abbandonato il corpo di Stefania nel campo. Senza immaginare che sarebbe stato ritrovato carbonizzato il giorno dopo.

Per la morte di Stefania, l’Alessandri è accusata di omicidio aggravato dalla premeditazione e di distruzione di cadavere. Di entrambi i capi d’imputazione la donna risponderà nell’udienza preliminare del 12 dicembre davanti al gup di Brescia, il primo atto del procedimento di primo grado che potrebbe concludersi davanti al gup se l’avvocato Gianfranco Ceci dovesse chiedere, come è probabile, e ottenere per lei il rito abbreviato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA