Orio, nei weekend si torna a volare: «Recuperato il 75% dei passeggeri»
L’aeroporto di Orio al Serio (Foto by Colleoni)

Orio, nei weekend si torna a volare:
«Recuperato il 75% dei passeggeri»

Dopo lo stop del Covid il traffico è ripreso in maniera sostenuta soprattutto nei fine settimana. Oltre 30 mila presenze al giorno di media, con le destinazioni nazionali che fanno il pieno per posti occupati.

Un volo in più, un passeggero alla volta: i dati dei fine settimana di luglio dell’aeroporto di Orio al Serio sono molto positivi e confermano l’attesa inversione di tendenza. Dopo il black out della pandemia lo scalo è ripartito, macinando passeggeri su passeggeri e complessivamente ha recuperato il 75% di quanto registrato nei fine settimana di luglio 2019, l’ultimo anno prima della catastrofe che si era chiuso con il record assoluto, quasi 14 milioni di passeggeri. Prendendo in considerazione i 4 giorni che vanno dal venerdì a lunedì nel fine settimana dal 16 al 19 luglio ci sono stati 897 voli con un totale di 124.432 passeggeri, con punte massime di 33 mila il sabato e minime di 27 mila il venerdì. Se paragoniamo questo weekend con quello dal 12 al 15 luglio di due anni fa si registrano sì 55 mila passeggeri in meno, ma la cosa era pressoché scontata: colpisce semmai il fatto che Orio abbia di fatto recuperato quasi il 70% (il 69,2 per la precisione) dei passeggeri pre crisi. Un fenomeno tutto sommato logico, tanto la pandemia ha fatto precipitare di colpo traffico e passeggeri, quanto il ritorno alla normalità - pur con tutte le incertezze del caso - sta producendo l’effetto opposto. Fortunatamente.

d.nikpalj
Dino Nikpalj

Curioso di tutto ed esperto di niente. Classe 1968 (ohibò…), maturità tecnica e studi in Giurisprudenza, lavora a L’Eco di Bergamo dal novembre 1997. Vicecaporedattore dal 2014, è stato inviato e per tre anni ha guidato la redazione web. Scrive di cronaca, politica, trasporti e Atalanta, della quale è tifosissimo. Ha da sempre una passionaccia per il calcio inglese in tutte le sue forme e categorie, una spiccata simpatia per il Manchester City e una fornitissima biblioteca, anche di storie di calcio. Che prova a raccontare su Corner.

© RIPRODUZIONE RISERVATA