Preparativi per gli esami di maturità È caccia ai presidenti di commissione
Uno scatto dello scorso anno, a giugno

Preparativi per gli esami di maturità
È caccia ai presidenti di commissione

È una vera e propria caccia al tesoro, secondo la dirigente dell’Ufficio scolastico territoriale di Bergamo, Patrizia Graziani. Per ora, anche nella Bergamasca, ci sono pochi presidenti di commissione pronti a guidare i prossimi esami di Stato: il 17 giugno dovranno essercene 205, a oggi (dopo la chiusura del termine di presentazione delle domande degli interessati) ce ne sono 114.

«Si tratta di una situazione comune a tutta la Lombardia – spiega Graziani -: per il momento si sono presentati pochi aspiranti presidenti di commissione per l’esame di Stato. Entro il 7 maggio infatti coloro che potevano essere interessati a tale incarico dovevano presentare la propria candidatura. Visto che a quel punto le adesioni non erano state molte, si era deciso di prolungare il periodo di tempo per l’accettazione delle candidature fino al 18 maggio. Ma anche a quella data non ci sono state molte adesioni».

Nella Bergamasca l’Esame di Stato della scuola secondaria di secondo grado del prossimo 17 giugno coinvolgerà 410 classi. Ciò significa che per garantire il corretto procedimento degli esami serviranno 205 presidenti di commissione (ogni presidente si prende in carico due classi, ndr). «Attualmente la Bergamasca può contare su 114 presidenti – continua Graziani -, che rappresentano il 55% del necessario. I presidenti di commissione sono, obbligatoriamente, i dirigenti scolastici delle scuole superiori della provincia, che svolgono questo compito in scuole che sono diverse da quella che dirigono, oppure altri docenti che si candidano per questo specifico ruolo in occasione degli esami».

© RIPRODUZIONE RISERVATA