Ricoveri in retromarcia nella Bassa Picco il 20 novembre: 206  posti occupati

Ricoveri in retromarcia nella Bassa
Picco il 20 novembre: 206 posti occupati

Il picco il 20 novembre, con 206 posti letto occupati a Treviglio e Romano: venerdì, 181. Assembergs: lenta discesa, dati confortanti.

Lentamente, cala il numero dei ricoverati per Covid-19 negli ospedali di Treviglio e Romano. Un andamento che fan ben sperare, anche alla luce dei dati forniti ieri da Asst Bergamo Ovest, dai quali appunto si evince una confortante riduzione della richiesta di posti letto: dei 235 posti complessivamente disponibili nei due reparti Covid, ne sono attualmente occupati 181: 92 a Treviglio e 89 al «Santissima Trinità» di Romano.

La riapertura dei due reparti - che erano chiusi alla fine della prima terribile ondata di primavera - era scattata nella seconda metà di ottobre: il 20 i primi ricoveri per Covid, 18 a Romano e due a Treviglio. Il numero nei giorni e nelle settimane successive era gradualmente salito, inducendo Asst Bergamo Ovest a predisporre sempre più posti letto, ricavando ulteriori spazi nei due ospedali. Per farlo era stato attuato lo stop agli interventi chirurgici non urgenti, anche se programmati, per liberare posti letto destinati ai pazienti Covid e a quelli sottoposti a operazioni urgenti e oncologiche. Per affrontare il crescente aumento dei ricoveri - il 65% di persone provenienti dal Milanese - Asst Bergamo Ovest aveva preparato anche un piano di ampliamento delle zone Covid, che prevedeva 300 posti letto complessivi: un’operazione che per fortuna non si è resa necessaria. Il numero massimo di ricoveri in questo periodo di nuova emergenza sanitaria è stato registrato il 20 novembre, con 206 posti letto occupati: poi il confortante decremento, con i 197 di lunedì, i 189 di giovedì e i 181 di ieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA