Trading on line? No, truffe: «Persi i risparmi di una vita»

Trading on line? No, truffe:
«Persi i risparmi di una vita»

Centinaia i bergamaschi contattati ogni giorno da finti broker. «Con soli 200 euro investiti simulano guadagni esorbitanti in poco tempo».

C’è stato anche chi, a fronte di un investimento iniziale di soli 200 euro, alla fine di euro ne ha persi diverse centinaia di migliaia. Perché credeva di aver affidato i risparmi di una vita ad affidabili – e «moderni» – broker on line, invece ha avuto a che fare con truffatori che lo hanno raggirato con tante belle parole e qualche finta mail, con l’unico obiettivo di ripulirgli il conto corrente. Le denunce di persone truffate da fantomatici investitori del cosiddetto «trading on line» sono purtroppo in crescita anche nella nostra provincia, così come lo sono, più in generale, le truffe e le frodi, soprattutto ai danni di anziani, che hanno registrato un’impennata – a differenza degli altri reati – durante i mesi più duri della pandemia. Il trading on line truffaldino – perché esistono anche broker ovviamente onesti e regolari, ma che hanno modalità e sistemi d’approccio del tutto diversi – comincia sempre con una telefonata dal numero di una località straniera: si va dal Belgio al Regno Unito, dalla Svezia alla Danimarca, dall’Olanda alla Francia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA