«Tu resta, hai tanto da fare con i ragazzi» Alberto Daminelli è tornato a casa
Daminelli con i suoi ragazzi

«Tu resta, hai tanto da fare con i ragazzi»
Alberto Daminelli è tornato a casa

Alberto Daminelli ha lottato contro il Covid-19 per 141 giorni, ma alla fine ce l’ha fatta e ora è a casa. «Ho sognato don Resmini che andava verso una grande luce: gli ho detto “aspettami”, ma mi ha risposto di tornare indietro».

Giasone è tornato. Non ricorda dove ha vagato. Perso tra le nebbie di un viaggio nell’ignoto alla ricerca inconsapevole di un sentiero del ritorno. Il suo fisico scolpito ha lottato, nel silenzio totale, contro il mostro della pandemia. Ha combattuto dentro l’arena di un lungo sonno forzato sostenuto dagli eroi instancabili dell’ospedale Papa Giovanni. Sospeso sul baratro del grande salto eterno, Giasone non è mai stato abbandonato nella battaglia durata 141 giorni.

I suoi Argonauti l’hanno cercato tutti i giorni in questi quasi cinque mesi, costruendo una lunghissima corda digitale di quotidiani messaggi irrobustita dai nodi delle preghiere da lanciare nel grande mare del coma indotto: erano sicuri che prima o poi Giasone, seppur rimasto solo con un filo di forza, quella corda l’avrebbe afferrata e si sarebbe risollevato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA