Tumori infantili, Bergamo   scommette sulle Car-T cell

Tumori infantili, Bergamo
scommette sulle Car-T cell

Il Papa Giovanni in prima fila nella ricerca di questa nuova terapia immunologica. Protocolli internazionali per tutti i piccoli pazienti.

Ci sono sguardi impossibili da dimenticare. Soprattutto se la luce che li fa brillare giunge nuova e sicura, a conferma che sì, s’è lavorato bene. «Ricordo alla perfezione un fatto che mi ha molto colpito – racconta Massimo Provenzi, responsabile del reparto di Oncologia pediatrica dell’ospedale Papa Giovanni XXIII –: un giorno entra in reparto una ragazza, avrà avuto vent’anni, al momento non l’ho riconosciuta».

Massimo Provenzi

Massimo Provenzi
(Foto by Oncologia pediatrica)

© RIPRODUZIONE RISERVATA