Va a trovare il fratello morto, investita da un furgone: l’autista era appena sceso
il luogo dell’incidente a Seriate fuori dal Bolognini

Va a trovare il fratello morto, investita
da un furgone: l’autista era appena sceso

L’incidente ieri fuori dalla camera mortuaria del «Bolognini». Forse un guasto oppure l’uomo non aveva tirato il freno a mano: il veicolo si è mosso da solo. La donna, 59 anni, è grave.

Aveva appena parcheggiato l’automobile insieme al marito e stava attraversando la strada a piedi per andare alla camera mortuaria dell’ospedale Bolognini di Seriate per far visita alla salma del fratello deceduto sabato sera, quando è stata investita da un furgone. L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio intorno alle 15 e la donna, 59 anni residente a Cividate al Piano, è stata soccorsa e trasportata in elisoccorso all’ospedale Niguarda di Milano: fortunatamente non è in pericolo di vita.

Secondo le prime ricostruzioni, un ragazzo di 38 anni di origini pachistane e residente a Seriate aveva appena parcheggiato il suo furgone Renault Master su via Paderno, vicino all’incrocio con via Partigiani, poco distante dall’ospedale. Il trentottenne era appena sceso per andare a effettuare un prelievo al vicino sportello Postamat: forse non aveva tirato bene il freno a mano oppure si è registrato un guasto improvviso. Poco dopo, infatti, l’autocarro si è mosso da solo, investendo la donna di cinquantanove anni che stava attraversando la strada. «Un signore mi ha avvisato dell’incidente – racconta un’addetta al centralino dell’ospedale Bolognini – e ho immediatamente chiamato il 112. In pochissimo tempo sono intervenuti gli operatori sanitari del nostro ospedale. So che è stata investita una signora, ma non sono riuscita a vedere cosa è successo e non so in che condizioni sia la donna».

© RIPRODUZIONE RISERVATA