Consumi, la ripresa 2021 è stata mini. Omicron cambia gli scenari, «solo nel 2023 sarà come nel pre-Covid»

Consumi, la ripresa 2021 è stata mini. Omicron cambia gli scenari, «solo nel 2023 sarà come nel pre-Covid»

La paura della pandemia cambia gli scenari e ostacola la corsa della ripresa dei consumi. Il timore deprime anche i saldi: secondo l’associazione dei commercianti, con un milione di clienti che avrebbe rinunciato a fare shopping per paura dei contagi e con il 25% che non entra nei negozi se vede troppe persone, e fa la fila fuori.

L’anno, secondo le ultime previsioni di Confcommercio infatti, si chiuderà con una crescita dei consumi del 5,1%, ancora il 7,3% in meno rispetto ai livelli del 2019 e con il completo ritorno ai livelli pre-pandemici non prima del 2023.

Il calo per alcuni settori come la filiera del turismo della cultura e del tempo libero, è ancora a due cifre e il timore per una nuova frenata spinge le categorie a chiedere un nuovo, immediato, intervento del Governo: «La ripresa per migliaia di imprese - come quelle del turismo - non è mai arrivata pienamente. In un contesto ancora così grave e allarmante chiediamo al Governo di procedere subito con i sostegni ai settori più colpiti, a cominciare dal rinnovo della cassa Covid e delle moratorie fiscali e creditizie», afferma il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA